Categorie
benessere

5 rimedi casalinghi per tenere sotto controllo la pressione alta

Siamo, senza dubbio, davanti a quella che viene considerata la malattia invisibile. Questo perché la pressione alta non mostra sintomi evidenti. Il che vuol dire che molte persone non sanno di averla, nonostante si trovino di fronte a un problema che andrebbe monitorato e tenuto sotto controllo. A maggior ragione se si tiene conto dei dati sulla prevalenza: circa 1 italiano su 3 soffre di pressione alta, che può essere prevenuta modificando lo stile di vita.

Meritxell Martí, farmacista, ha spiegato a Hola: “Quando si soffre di ipertensione, il sangue circola a una pressione più alta di quella che consideriamo normale e, in breve, raggiunge il cuore con maggiore forza e lo costringe così a funzionare a prestazioni superiori. Allo stesso modo, i vasi sanguigni tendono a subire più tensione e con essa una maggiore fragilità”.

“Gli esperti considerano una ipertensione più o meno grave nella situazione in cui i valori della pressione sistolica (la massima) siano superiori a 140 mm Hg. Mentre quelli della pressione diastolica (la minima) siano superiori a 90 mm Hg.

Leggi anche:  Pressione alta, 5 possibili sintomi

L’importanza di tenere sotto controllo la pressione alta

Il paziente che scopre di soffrire di pressione alta deve cercare di monitorarla per tenerla sotto controllo. L’ideale è farlo sempre con lo stesso dispositivo e nello stesso momento.

Sebbene di solito la pressione alta non dia sintomi, quando si verifica una crisi possiamo notare forte mal di testa, nervosismo o ansia, difficoltà a respirare e persino sangue dal naso. È il medico che ci guiderà nel trattamento, se necessario, e raccomanderà un cambiamento nello stile di vita, nonché farmaci appropriati.

Ma la verità è che, come spiega l’esperto, riuscire a prevenire l’ipertensione è possibile anche grazie a una alimentazione equilibrata e del sano esercizio fisico. Alcuni rimedi naturali possono inoltre aiutarci a prevenire e affrontare questo problema. Prima di tutto, possiamo aiutare noi stessi a ridurre l’ipertensione:

– Controllo dello stress.
-Pratica esercizio, tenendo presente che devi sempre iniziare in maniera dolce.
-Mantieni il peso sotto controllo e, in caso di sovrappeso, cerca di dimagrire.
-Prenditi cura della tua alimentazione. Riduci le quantità dei cibi ricchi di sodio e grassi e aumenta l’assunzione di fibre.
-Se riesci, smetti di fumare.
-Eliminare o riduci al minimo il consumo di alcol.

Esistono anche una serie di alimenti e prodotti naturali che ci aiuteranno nella nostra battaglia contro l’ipertensione. Ma come spiega Meritxell Martí, dobbiamo tenere presente ed è importante sapere che non sostituiscono in ogni caso i farmaci prescritti dal nostro medico. Tuttavia, possono darci una mano nel nostro obiettivo di abbassare i livelli di pressione alta.

Aglio

Il primo di questi è l’aglio, che ha la capacità di aiutare ad abbassare la pressione sanguigna, rilassando e dilatando i vasi sanguigni. È consigliato sia l’aglio a crudo sia nei piatti cucinati. Anche se il sapore risulta spesso troppo forte, può essere assunto anche in capsule (in questo caso fare riferimento alla dose consigliata dal proprio medico).

Aglio, 7 motivi per cui devi mangiarlo

Cardamomo

Alcuni studi hanno suggerito che l’assunzione quotidiana di cardamomo per alcuni mesi aiuta ad abbassare la pressione sanguigna. Meritxell Marti suggerisce di optare per un tè allo zenzero e al cardamomo, sfruttando l’alto contenuto di flavonoidi. Puoi prepararlo aggiungendo un cucchiaio di cardamomo e due cucchiai di zenzero fresco alla bustina di tè nero.

Acqua di cocco

Come spiega il farmacista, l’acqua di cocco, preferibilmente fresca, ha un alto contenuto di due nutrienti molto importanti: potassio e magnesio. Entrambi i minerali aiutano a rilassare i muscoli, compreso il cuore.

Leggi anche:  10 cibi ricchi di magnesio che sono anche salutari

Biancospino bianco

Per contrastare la pressione alta, è particolarmente indicato l’utilizzo di foglie e fiori di biancospino, con proprietà rilassanti e ipotensive visto che agiscono dilatando la muscolatura dei vasi sanguigni. Il biancospino è anche ricco di flavonoidi, ansiolitici naturali in grado di ridurre l’agitazione e l’insonnia.

Ibisco

Dal fiore di ibisco si prepara il karkadè, un vero toccasana per la salute del cuore. Il karkadè sembra essere utile ad abbassare la pressione alta.

In particolare, alcune ricerche sembrano confermare le sue efficaci proprietà anti-ipertensive grazie al suo effetto diuretico e alla sua capacità di ridurre l’attività dell’enzima di conversione dell’angiotensina, grazie alla presenza degli antociani.

I fiori di ibisco, inoltre, sono naturalmente ricchi di flavonoidi, che svolgono un’importante azione vasoprotettiva.

Gli autori di una revisione del 2015 di vari studi disponibili, hanno concluso che il consumo di questa pianta sotto forma di tè potrebbe abbassare la pressione sanguigna.

Essenza di lavanda e cannella

L’olio di lavanda può essere usato come rilassante, come aromaterapia per aiutare a ridurre la pressione sanguigna. Da parte sua, la cannella è una buona opzione. L’aggiunta quotidiana di cannella alla dieta può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna, specialmente nelle persone con diabete.

Leggi anche:  5 piante che possono aiutarti a combattere lo stress

Omega 3

Alcuni studi indicano che il consumo di acidi grassi Omega 3 può aiutare a ridurre l’ipertensione. Inoltre, sono utili per aiutare a ridurre i trigliceridi e aumentare il colesterolo buono.

Leggi anche: Colesterolo, i grassi buoni che si possono mangiare per non alzarlo

Unghia di gatto

Questa pianta è largamente utilizzata nei problemi di ipertensione nella medicina tradizionale cinese, sebbene sia tipica anche in Sud America, dove è usata dagli autoctoni grazie alla sua azione vasodilatatrice. Da segnalare anche una leggera azione diuretica, che aiuta ad eliminare le tossine. Tieni presente che è ricca di tannini e flavonoidi.

Prezzemolo

Le radici e le parti aeree di questa pianta vantano proprietà purificanti, svolgendo un’importante azione diuretica e drenante, utile per eliminare i liquidi in eccesso e ripulire l’organismo.

 Uno studio ha suggerito che l’estratto di semi di prezzemolo somministrato ai topi aumentava significativamente il loro volume di urina.