A Scuola con lo Chef Zoli: La Crema Pasticcera |2° parte

Pubblicato il 6 aprile 2016 19.24 | Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2016 19.24

Tags: , ,

 
A Scuola con lo Chef Zoli: La Crema Pasticcera |1° parte

Roma – A Scuola con lo Chef Zoli: La Crema Pasticcera |2° parte.

(a cura di Maria Antonella Calopresti)

Nuovo appuntamento con il Maestro Massimo Zoli, dopo averci insegnato tutti i segreti per fare un’ottima Frolla e dei fantastici Bignè oggi secondo appuntamento per conoscere tutti i segreti della Crema Pasticcera.

Nella  lezione precedente  sono stati spiegati materie prime e metodo. Oggi parliamo di errori e di  ricette.

  • Crema bruciata: succede a volte se si fa a fuoco diretto con fiamma troppo o a causa di un’ azione manuale insufficiente o, ancora, da un tegame inadatto.
  • Sensazione di farinosità al palato: ciò accade per insufficiente cottura della crema e utilizzo della sola farina
  • Perdita di consistenza o formazione di liquido chiamata sineresi: non si è cotta abbastanza la crema e quindi gli amidi non hanno il tempo di agglutinarsi oppure la cottura si è protratta a lungo e la capacità legante degli amidi si è distrutta
  • Formazione di grumi: avviene quando, aggiungendo separatamente gli amidi o la farina, la miscela non si sbatte energicamente con la frusta; avviene anche quando la crema cotta viene tenuta scoperta durante il raffreddamento senza essere mossa formando, così,  una crosta
  • Bucce di agrumi: anche le bucce di agrumi, a scopo aromatico, per il rimescolamento continuo influiscono sulla morbidezza della crema perché si spezza la rete proteica
  • Puntini gialli: avviene quando lo zucchero viene lasciato a contatto con tuorli senza essere mescolato. I cristalli dello zucchero assorbono la poca acqua dei tuorli provocando un assorbimento che tende a plastificare le proteine rendendole insolubili

RICETTE VARIE:

  1. 1000 g latte, 300 g zucchero, 250 g tuorli, 80 g farina 160 W, 1 bacca di vaniglia
  2. 1000 g latte, 300 g zucchero, 250 g tuorli, 80 g amido di mais, 1 bacca vaniglia
  3. 1000 g latte, 300 g zucchero, 250 g tuorli ,80 g amido di riso, 1 bacca di vaniglia
  4. 1000 g latte, 300 g zucchero, 250 g tuorli, 40 g amido di mais, 40 g amido di riso, 1 bacca di vaniglia
  5. 1000 g latte, 450 g zucchero, 500 g tuorli, 25 g amido di mais, 25 g amido di riso, 1 bacca di vaniglia
  6. 1000 g latte, 300 g zucchero, 350 g tuorli, 130 g farina, 1 bacca di vaniglia, 1 goccia di olio essenziale limone a fine cottura
  7. 700 g latte, 300 g panna, 400 g zucchero, 400 g torli, 25g farina, 25 g amido di mais, 1 bacca di vaniglia
  8. Variante al cioccolato: 900 g latte, 100 g panna, 200 g zucchero, 40 amido di mais, 50 g cacao amaro extra, 250 g tuorli, 150 g cioccolato fondente bitter, 100 g burro (cioccolato e burro vanno aggiunti dopo la cottura e va fatta raffreddare velocemente)
  9. Variante alla frutta: 1000 g succo di frutta, 270 g zucchero, 130 g farina
  10. Crema di soia: 800 g latte di soia, 200 g panna di soia, 300 g zucchero d’uva, 70 g amido di riso, 70 g amido di mais, 1 bacca di vaniglia

Gusto pistacchio, nocciola, caffè,…: per ogni kg di crema si aggiungono 80-100 g di paste pure (100%) di pistacchio o di nocciola o del gusto che si preferisce e bisogna inserirle quando la crema si raffredda fino a 38°C.

Riepilogo per il procedimento e per le cotture

Per  preparare  a crema pasticcera si può procedere in due modi:

  • Mettere a sobbollire il latte con la bacca di vaniglia vuota (quando fuma è pronto); miscelare lo zucchero con i semi della vaniglia e l’amido (o farina) ; unire il tutto ai tuorli e mescolare bene; spostare il latte dal fuoco e versare dentro il composto rimescolando bene; riportare sul fuoco fino a cottura raggiunta continuando a mescolare.
  • Mettere a sobbollire il latte con la bacca di vaniglia vuota (quando fuma è pronto); miscelare lo zucchero con i semi della vaniglia e i tuorli; unire la farina (o amidi) farina; spostare il latte dal fuoco e versare dentro il composto rimescolando bene; riportare sul fuoco fino a cottura raggiunta continuando a mescolare.

Cuocere le creme secondo la tabella in base agli addensanti scelti:

con  amido mais 72-84°C

con farina di frumento 83-94°C

con amido di riso 76-92°C

Prossima Lezione Mercoledi 13 aprile

Per chi avesse perso le  Lezioni sulla Frolla cliccare qui

Per chi avesse perso le Lezioni sui Lievitati cliccare qui

Per chi avesse perso la Lezione sulla Viennoiseries cliccare qui

Per chi avesse perso la Lezione sui Croissant cliccare qui

Per chi avesse perso la Lezione sul Panettone cliccare qui

Per chi avesse perso la prima Lezione sui Bignè cliccare qui

Per chi avesse perso la seconda Lezione sui Bignè cliccare qui

Per chi avesse perso la prima Lezione sulla Crema Pasticcera cliccare qui

In collaborazione con il gruppo Facebook “Quelli che non solo dolci”.

Se volete fare delle domande al Maestro Massimo Zoli potete scrivere a

ladyblitz.food@gmail.com

Link a Lady Kitchen