Diabete di tipo 2, l’azione più efficace per combatterlo

Diabete tipo 2 dieta, perdere peso arma più efficace per contrastarlo

Perdere peso è il modo migliore per combattere il diabete di tipo 2 dopo la diagnosi. Sbarazzarsi del 10% del peso corporeo nei primi cinque anni raddoppia la possibilità di remissione della malattia, rispetto a chi invece non dimagrisce e resta uguale. E’ quanto afferma uno studio dell’Università di Cambridge.

Come si legge sul Daily Mail, una dieta di appena 700 calorie al giorno per otto settimane è stata associata in nove casi su dieci a una successiva diagnosi positiva. Lo studio ha seguito i casi di 867 persone di età compresa tra 40 e 69 anni con diabete e ha rilevato che 257 dopo 5 anni avevano migliorato la loro condizione significativamente.

La dottoressa Hajira Dambha-Miller, del Dipartimento di sanità pubblica e cure primarie di Cambridge, ha dichiarato: “Sappiamo da tempo ormai che è possibile guarire dal diabete utilizzando misure abbastanza drastiche come programmi di perdita di peso intensiva e restrizione calorica estrema”. 

Il professor Simon Griffin, dell’Unità di epidemiologia dell’università, ha aggiunto: “Il diabete di tipo 2, come una malattia cronica, può portare a complicazioni significative, ma come dimostra il nostro studio, può essere controllato e persino invertito”.

Anche il digiuno a intermittenza – a giorni alterni o per tre giorni a settimana – potrebbe, almeno in alcuni pazienti, ‘far regredire’ il diabete, consentendo di controllare la glicemia senza farmaci, ovvero di sospendere del tutto l’insulina e anche (in parte o completamente) gli altri farmaci prescritti per la malattia. Sembra suggerirlo una ricerca che ha coinvolto per ora solo tre pazienti e che è stata pubblicata sul ‘British Medical Journal Case Reports’.

Lo studio è stato condotto da Jason Fung del Scarborough Hospital in Canada. Ma cambiare lo stile di vita non è sempre facile e questo testimonia quanto sia importante rivolgersi al proprio medico per ricevere i consigli più adatti al proprio caso ed essere indirizzati correttamente sulla terapia da seguire.

 

Potrebbero interessarti anche...