Categorie
benessere

Bere troppe tisane fa male alla salute?

Non sono poche le occasioni in cui vi abbiamo parlato delle proprietà salutari delle tisane, molte delle quali consigliate anche come coadiuvante di diverse terapie. Tuttavia, come accade praticamente sempre quando si fa qualcosa in eccesso, è utile prendere alcune precauzioni e non abusare nemmeno delle tisane.

Consumare infusi nella nostra dieta è una buona abitudine. Molte possono aiutarci nel rilassamento e a combattere lo stress, ed è vero che alcune aiutano la digestione o la diuresi. Ma come tutto, se assunte in eccesso può essere dannoso per il nostro corpo.

Mar Sieira, medico e farmacista, riassume a Hola alcune precauzioni che dovremmo prendere nell’assunzione di queste tisane a base di piante medicinali.

“In linea di principio basterebbero 1-2 tazze di questi infusi al giorno per sperimentare il loro effetto benefico “.

Leggi anche:  Ti spieghiamo perché dovresti includere questi infusi nella tua colazione.

Tisane diuretiche

Nel caso delle tisane diuretiche, (come tarassaco, equiseto o carciofo, tra le altre) che facilitano l’eliminazione dei liquidi dal corpo, devi stare attento a non consumarle in eccesso. Essendo diuretiche, infatti, potresti eliminare nutrienti e minerali di cui il tuo corpo ha bisogno .

Infusi stimolanti

È il caso del tè verde, che, sebbene sia molto apprezzato per i suoi effetti benefici sull’organismo, contiene elevate quantità di teina, che è uno stimolante simile alla caffeina. Quindi il suo consumo è sconsigliato a persone con pressione alta, problemi cardiaci o aritmie. Inoltre non è indicato nelle persone con ulcere gastriche o con disturbi digestivi. Questa caratteristica potenzialmente irritante del tratto digerente è condivisa anche da altri tè come quello nero, quello bianco e quello rosso. “Inoltre, il tè può impedire il corretto assorbimento del ferro. Questo va tenuto in considerazione in chi soffre di anemia o ha una predisposizione a svilupparla” spiega l’esperto.

Leggi anche:  Acqua e limone a stomaco vuoto: non cura, non fa dimagrire né disintossica

Tisane rilassanti

All’interno di questo gruppo troviamo alcune piante popolari come la valeriana, che vengono utilizzate per ridurre stress e agitazione, facilitando la conciliazione del sonno e migliorandone la qualità. Questi tipi di infusi non vengono esclusi dall’elenco di bevande che, se assunte in eccesso, possono provocare effetti indesiderati sull’organismo.

“Il suo consumo prolungato può essere tossico e, quindi, si consiglia di stabilire periodi di riposo durante il trattamento. Inoltre, abusarne può produrre effetti negativi come mal di testa, confusione mentale, mancanza di agilità mentale, nervosismo o irritabilità” spiega l’esperto.

Infusi digestivi

Le tisane dalle proprietà digestive sono un perfetto alleato per alleviare la sensazione di pesantezza e gonfiore che possiamo avvertire subito dopo un pasto. Vengono utilizzate piante di vario genere, in gran parte aromatiche (come la menta o il rosmarino).

“Sebbene la maggior parte delle piante utilizzate per scopi digestivi, siano generalmente molto sicure e non comportino effetti negativi nel loro utilizzo, alcuni tipi come timo, origano o menta potrebbero irritare il tratto digestivo se consumati in eccesso”, conclude.

Leggi anche:  Piante che ti aiutano a dimagrire quando sei a dieta, consigliate dagli esperti