Cosa succede se non mangi carne? Brutta esperienza di 3 donne

Pubblicato il 24 agosto 2015 14.43 | Ultimo aggiornamento: 24 agosto 2015 14.43

Tags: , ,

di Redazione Ladyblitz
 
Cosa succede se non mangi carne? Brutta esperienza di 3 donne

L ONDRA – Cosa succede se non mangi carne? Perdita di capelli, stanchezza e disfunzioni mentali: 3 donne hanno raccontato al Daily Mail come la loro salute si sia rovinata dopo che hanno deciso di smettere di mangiare carne. Debbie Dixon ha raccontato come i suoi capelli hanno cominciato a cadere progressivamente fino a che una mattina, alzandosi dal letto e spostando la frangia, si è accorta di essere diventata quasi calva. Inoltre ha cominciato a sentirsi sempre più stanca e nervosa. Come si legge sul Daily Mail, inizialmente la donna ha attribuito lo stato di malessere allo stress dovuto al suo lavoro stancante ma nel giro di un anno la sua situazione è drasticamente peggiorata. La donna ha raccontato:

“Non riuscivo a salire le scale per quanto mi sentivo stanca, lottavo per riuscire a mettere a fuoco le immagini, tutto sembrava confuso e non riuscivo a concentrarmi. Quando sono andata dal dottore mi ha fatto correre in ospedale e appena è emerso che non mangiavo carne da 2 anni i dottori hanno capito che il motivo del mio malessere era dovuto alla carenza di questo alimento”.

Secondo i nutrizionisti Debbie, che vive a Londra, è solo una delle tante donne che mettono a repentaglio salute (e umore) accettando diete restrittive che limitano o tagliano completamente la carne, non riuscendo a sostituire adeguatamente i nutrienti che la carne fornisce. Secondo quanto si legge sul Daily Mail questo è un vero e proprio problema ed è in crescita: Mintel, società di ricerca di mercato, ha stimato che quasi un quarto della popolazione inglese ha tagliato drasticamente l’assunzione di carne mentre il 10% ne mangia pochissima.

Tuttavia, si legge sul Daily Mail, non assumere carne senza una corretta assimilazione dei nutrienti tramite altri alimenti, può essere molto dannoso per la salute e avere conseguenze gravi. La carne contiene infatti sostanze nutritive essenziali per la salute delle donne, in particolare per quelle di mezza età. È possibile sostituire questi nutrienti con una dieta vegetariana, ma ciò comporta un attento monitoraggio di ciò che si mangia. Debbie, invece, limitando la carne ha avuto gravi insufficienze di ferro. La donna ha raccontato:

“Quando sono andata in ospedale i medici si sono accorti che i miei livelli di ferro erano disperatamente bassi. Inizialmente mi hanno dato sali per la reidratazione, poi mi hanno prescritto enormi dosi di ferro per circa 6 mesi che mi hanno anche causato spiacevoli effetti collaterali. Tuttavia, già dopo una settimana mi sentivo meglio. Ora io cerco di mangiare carne 2 volte al giorno: tutto, dalla bistecca al pollo”

Il dottor Carrie Ruxton ha affermato che 1 donna su 10, nel Regno Unito, è affetta da carenza di ferro:

“Chi non mangia carne senza reintegrarla con i giusti nutrienti può avere carenza di vitamina B12, necessaria per il rilascio di energia, di zinco, per il sistema immunitario, e ancora di vitamina D, per l’umore; e gli acidi grassi omega-3, che sono vitali per tutto, dal cervello alla salute del cuore”

La dietista Laura Clark spiega come le proteine siano importantissime per la donna, che ha bisogno di circa 45gr al giorno di questo nutriente:

“Se siete in gravidanza o allattamento, il vostro bisogno proteico giornaliero sale a circa 51g. E le donne oltre i 50 anni hanno bisogno di 46.5g di proteine per far fronte alla perdita di massa muscolare, chiamata sarcopenia, che viene con l’età. Questo aiuterà a proteggere le donne anziane contro cadute e fratture”

Enid Taylor, 59 anni, ha raccontato al Daily Mail la sua esperienza da vegetariana:

“In un primo momento questa dieta mi è piaciuta, ho perso peso e mi sentivo bene, poi però ho cominciato a sentirmi isolata. La dieta è diventata difficile da seguire, mi sentivo come se non potessi più partecipare a incontri sociali, come per esempio andare a cena fuori. La dieta stava mettendo una barriera tra me e le persone a me care”.

La svolta è arrivata quando la figlia Melissa, ora 40 anni, ha avuto una vera e proprio crisi isterica in quanto non sapeva cosa cucinare alla mamma:

“Mi ha dimostrato quanto stress avessi causato a chi mi stava intorno, me compresa Così ho risposto: “Che ne dici di un bel tacchino?” In quel momento mi sono accorta di quanto quelle parole fossero state un sollievo per me e per la mia famiglia. Ora io mangio ancora prevalentemente verdure, ma sono convinta che abbiamo bisogno anche di un po’ di proteine ​​animali. E soprattutto ho di nuovo una vita sociale”

Infine Marie Ashton, 41 anni e vegetariana per 20, ha dichiarato di sentirsi molto meglio da quando ha reintrodotto la carne nella sua alimentazione. La donna ha abbandonato lo stile alimentare quando è rimasta incinta:

“Nel 2008 aspettavo mio figlio Connor. So che la gravidanza ti rende stanca, ma io mi sentivo un relitto. Siamo andati a una festa e io mi sentivo esausta”

Marie ha capito che il suo problema molto probabilmente era l’alimentazione:

“Tornando dalla festa ci siamo fermati in un pub per cenare, ho guardato il menu, ho visto un tortino di agnello e ho capito che era il mio corpo stesso a dirmi che mi serviva carne rossa. Dopo averlo mangiato mi sono sentita molto meglio. Dopo quel giorno ho mangiato una bistecca ogni venerdì. Mio figlio è poi nato con cesareo, ho perso tantissimo sangue e avuto quasi bisogno di una trasfusione. Quando sono tornata a casa mia cognata mi ha preparato un piatto di pasta con le verdure che fino a poco tempo prima mi avrebbe fatto impazzire, ma in quel momento non riuscivo a mangiarla e ho mandato mio marito a comprarmi una bistecca. Se il mio bambino aveva avuto bisogno di carne mentre era dentro di me allora ne avrebbe avuto bisogno anche attraverso il latte materno”.

Molti vegetariani ed esperti ritengono che evitare la carne sia meglio per la nostra salute. Ma per alcune donne una dieta vegetale non va bene soprattutto se non viene reintegrata con i giusti alimenti.