Categorie
Salute

Dieta sana, 3 tè che fanno bene al corpo e alla mente

Il è una bevanda che può essere inclusa in una dieta sana. Sebbene gli italiani siano amanti del suo principale “rivale”, il caffè, il tè ha un suo seguito e l’era digitale e la globalizzazione hanno portato le persone a conoscere sempre più varietà. Il tè è più buono se fatto con l’acqua di rubinetto, ma contiene più sostanze che fanno bene alla salute se invece lo si prepara con quella in bottiglia. Lo ha affermato uno studio pubblicato dalla rivista Nutrients della Cornell University, secondo cui la differenza sta nel diverso contenuto di minerali tra le due.

Una tazza di tè al giorno è amica del benessere del cuore, soprattutto quando si invecchia. Questa bevanda, se assunta in maniera regolare, sembra rallentare la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto ‘buono’, che si verifica con l’avanzare dell’età. Come conseguenza positiva si verifica una diminuzione dell’8% del rischio cardiovascolare. Lo ha rivelato uno studio guidato dalla Pennsylvania State University, pubblicato sul Journal of American Heart Association.

Uno dei più grandi alleati della salute è il tè matcha. Arriva dal Giappone, cresce all’ombra e le sue foglie vengono cotte al vapore, asciugate e ridotte in polvere finissima dal colore chiaro. Le foglie contengono 137 volte il contenuto di antiossidanti del normale tè verde, polifenoli e diversi aminoacidi, come l-theanina che riduce lo stress fisico e psicologico e l’acido glutamico che agisce sul sistema nervoso centrale.

L’acido gamma-aminobutirrico (GABA), che si trova in alcuni tè, è una sostanza chimica che svolge un ruolo nel sistema nervoso. Bere tè oolong che contiene GABA può ridurre lo stress. Puoi trovarlo online da marchi come Harney & Sons e Floating Leaves.

C’è poi il tè di camomilla, ben noto per aiutarti a dormire meglio, ma le ricerche più recenti mostrano che potrebbe anche avere benefici per le persone con diabete. Bere una tazza dopo ogni pasto può aiutare a bilanciare il glucosio nel sangue, affermano diversi studi recenti.