Salute

Stanchi? E’ l’ora solare. 5 consigli per affrontarla meglio

Stanchi? E' l'ora solare. 5 consigli per affrontarla meglio

ROMA – Vi sentiti stanchi, spossati, fiacchi? Niente paura: probabilmente è l’effetto del passaggio dall’ora legale all’ora solare. Si guadagnano sessanta minuti di luce alla mattina ma il sole “tramonta prima”, per così dire, e all’inizio abituarsi a tutto questo richiede fatica.

Se non vi sentite a posto, quindi, non preoccupatevi. Sono almeno 12 milioni gli italiani che risentono del cambio di orario. Gli effetti negativi colpiscono soprattutto le persone “gufo”, abituate a fare tardi la sera e ad alzarsi tardi la mattina.

Ci sono però alcuni piccoli accorgimenti che possiamo prendere per sentire meno l’impatto dello spostamento delle lancette dell’orologio.

  1. GUFI O ALLODOLE? Innanzitutto va verificato se effettivamente abbiamo un profilo da gufo o allodola, per capire come affrontare il disagio.
  2. RISINCRONIZZIAMOCI GRADUALMENTE. E’ importante aiutare a risincronizzare i ritmi circadiani provando ad andare a letto più tardi nei giorni immediatamente prima del cambio dell’ora e alzandoci un po’ più tardi nel stesso weekend, per allenarci gradualmente al cambiamento.
  3. FARE ATTIVITA’ FISICA. Gli effetti ormonali di questi cambiamenti vengono attenuati dall’attività fisica aerobica. 
  4. MANGIARE LEGGERO. Anche l’alimentazione va considerata con particolare attenzione in questo periodo. Meglio pasti leggeri, almeno finché il corpo non si è abituato, anche per controllare la fame che verrebbe indotta da un meccanismo di compenso neurobiologico.
  5. UNA LAMPADA (O UN PO’ DI SOLE) PER STARE MEGLIO. Chi è particolarmente sensibile a questo cambiamento può essere aiutato da una terapia naturale che consiste nella risincronizzazione dei ritmi circadiani attraverso l’esposizione, di mattina, alla luce brillante indotta da specifiche lampade, che permettono di generare una sorta di alba artificiale. Ma la luce naturale resta il principale antidoto.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.