Salute

Saltare la cena per dimagrire e altri errori da evitare

saltare-cena-sbagliato-dimagrire

ROMA – Perdere peso è uno degli obiettivi cui aspirano molte persone. Arrivati a un certo punto dell’anno si fanno i conti con la bilancia, soprattutto in primavera, quando l’estate è all’orizzonte e non abbiamo più scuse per metterci in regola con l’alimentazione. Le diete lampo servono a poco. Non solo. Un recente studio ha sottolineato quanto questa pratica possa rivelarsi dannosa per chi è a rischio infarto o ictus. Le oscillazioni sono nemiche della salute del cuore. Prima di ricorrere al fai da te, meglio affidarsi a uno specialista, un dietologo, un dietista o un biologo nutrizionista. Ci sono tuttavia alcuni ben noti che mette erroneamente in pratica chi vuole dimagrire. Eccone alcuni.

Saltare la cena. Per perdere peso è bene non saltare mai i pasti, fare un pranzo leggero e, nelle serate trascorse davanti al tv, non cadere nella trappola degli “stuzzichini” dolci o salati dopo aver cenato. Quanto all’orario della cena, uno studio britannico del 2014 l’anticipava alle 19,00, con le 18,14 come orario consigliato. Secondo quanto riferito sul Journal of Nutritional Sciences, posticipando l’ora della colazione e anticipando l’ora della cena di 90 minuti, senza alterare la propria normale alimentazione (quindi senza fare una dieta stretta), in 10 settimane si perde il doppio del grasso corporeo rispetto a chi non segue questi accorgimenti basati sull’orario dei pasti.

Fare pasti solo a base di frutta. Meglio incorporarla nelle prime ore del giorno e se viene assunto durante prima di andare a dormire, è consigliabile optare per quella con un minor apporto di zuccheri. Ce ne sono alcuni tipi che, di fatto, non dovrebbero essere inclusi nella cena se si vuole perdere peso. “La frutta è un alimento molto salutare, ma non è molto completo, e l’ideale sarebbe consumarlo moderatamente, due pezzi al giorno ma accompagnato da altri macronutrienti (grassi e proteine salutari)”, afferma la dott.ssa Laura Parada al sito spagnolo Hola!.

Escludere i carboidrati. Per vivere più a lungo non bisogna rinunciare completamente ai carboidrati, anzi si ottengono risultati migliori con una dieta con un consumo moderato. Lo afferma uno studio pubblicato nel 2018 su Lancet Public Health del Brigham and Women Hospital di Boston. Diete ‘low carb’ che sostituiscono i carboidrati con proteine o grassi sono sempre più popolari – fanno sapere i ricercatori – ma i dati suggeriscono che diete low carb associate a cibi animali possono essere associate a una minore aspettativa di vita”.