Categorie
Salute

Pressione alta, lo yogurt falso alleato che andrebbe evitato

Una persona su tre ha la pressione alta ma spesso lo ignora. Molti che ne soffrono non ne sono consapevoli.

L’emergenza Covid-19 ha peggiorato la situazione perché lavorare per ore dietro una scrivania potrebbe aumentare il rischio di ipertensione ‘nascosta’, come suggerito da uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Hypertension.

Di solito quando si pensa alla prevenzione della pressione alta ci si riferisce sempre all’uso spropositato di sale, ma non è solo questo alimento “sotto accusa”.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista American Journal of Cardiology, lo zucchero è l’altro grande nemico di chi soffre di pressione alta.

Lo zucchero avrebbe una correlazione molto più stretta del sodio con la pressione alta.

Se assunto in quantità elevate stimolerebbe un’area del cervello chiamata ipotalamo, che provocherebbe a sua volta un aumento del battito cardiaco e della pressione sanguigna.

David Wiener, training specialist e lifestyle coaching dell’app Freeletics, ricorda a Express che c’è un alimento troppo spesso considerato dietetico, pur non essendo tale.

“Gli yogurt alla frutta sono spesso pieni di carboidrati e zuccheri che possono devastare i livelli di pressione sanguigna”, spiega Wiener.

Lo yogurt bianco è un’opzione molto più sicura per l’esperto, una scelta che ha dimostrato di avere un effetto positivo sull’ipertensione.

Lo yogurt greco in particolare è ricco di sostanze nutritive che aiutano a regolare la pressione sanguigna, inclusi potassio e calcio.

Non solo yogurt, attenzione anche ai cereali da colazione.

Per Wiener anche i cereali da colazione presentati spesso “sani” o ricchi di proteine ​​possono causare un aumento della pressione sanguigna.

“La maggior parte sono altamente elaborati e contengono molti più carboidrati e zuccheri nascosti di quanto potresti immaginare, il che può contribuire a una lettura della pressione sanguigna più alta”, dice.

Quando facciamo la spesa dunque, impariamo a leggere quali ingredienti contiene ogni prodotto, se ha sale o zucchero aggiunto.

Nota bene: questo articolo ha solo una scopo illustrativo e non è in alcun modo sostitutivo del parere medico.