I tre pilastri di una pelle radiosa secondo un nuovo studio

3 prodotti low cost per dire addio ai punti neri

Per avere una pelle radiosa bisogna mangiare frutta e verdura, associate al movimento fisico. Lo conferma uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychology. Evitare lo stress, dormire più a lungo, come parte di uno stile di vita equilibrato e sano, regalano alla cute un tono migliore, secondo la ricerca condotta dall’Università di St. Andrews, citata dal sito Skynews.

Il cambiamento nel colore della pelle dopo aver mangiato molti prodotti colorati è dovuto all’accumulo di pigmenti vegetali nella pelle, come il carotene arancione dalle carote e il licopene rosso dai pomodori. I carotenoidi svolgono un ruolo importante come antiossidanti, utili per proteggerci dai danni causati dalle tossine ossidative causate da inquinanti, fumo e cibi zuccherati, che possono danneggiare il DNA e le proteine.

Il principale scienziato dello studio, il professor David Perrett, della School of Psychology and Neuroscience dell’Università di St Andrews, ha spiegato: “Abbiamo valutato i livelli di grasso corporeo con un misuratore di impedenza molto simile a quello disponibile su molte bilance da bagno. Abbiamo misurato il colore della pelle con un dispositivo che registra come un arcobaleno di colori si riflette sulla pelle. Abbiamo scoperto che sia un alto livello di benessere fisico che un basso grasso corporeo erano associati a un giallo più alto della pelle”. Al contrario, l’aumento dello stress psicologico e la mancanza di sonno erano associati a una riduzione del giallo della pelle.

In generale, la carenza di sostanze nutrienti, dagli acidi grassi insaturi alle vitamine può contribuire a seccare la cute. Mentre le vitamine C ed E sono responsabili del mantenimento di una pelle sana. Inoltre, bassi livelli di vitamina D possono aumentare le possibilità di secchezza della pelle.

Potrebbero interessarti anche...