Pancia piatta con la posizione yoga più amata dalle celebrity

Pancia piatta con la posizione yoga più amata dalle celebrity

Come avere una pancia piatta? Molte celebrities si sono affidate allo yoga per dire addio ai chili di troppo in zone critiche del corpo. Lo conferma Gunnar Peterson, che allena star del calibro di Kate Beckinsale, Amber Heard e Chris Hemsworth. L’esperto ha rivelato che c’è una posizione in particolare che dovremmo mettere in atto per ottenere degli addominali perfetti, ovvero la Chaturanga Dandasana, una postura conosciuta come “la flessione dello yoga”. Questa asana lavora intensamente su spalle, bicipiti, tricipiti, avambracci, pettorali e schiena, ma lo specialista consiglia di tenere anche le gambe in tensione per includerle nell’esercizio. Se sei uno di quelli che preferiscono lo yoga ai tipici esercizi di fitness, questo movimento può aiutarti tanto quanto una posizione del bastone a terra classico.

Spesso la pancia gonfia può però dipendere da altri motivi. Per esempio chi ha problemi intestinali o sintomi della colite, deve fare molta attenzione a ciò che mangia. Si possono comunque individuare alcuni alimenti che sono potenzialmente più a rischio e ai quali dovrebbe far attenzione chi soffre di sindrome del colon irritabile. Non è semplice dare una soluzione unica perché in alcuni casi la manifestazione dei sintomi della colite è polimorfa e varia da soggetto a soggetto e spesso il disagio intestinale si manifesta con aspetti clinici che si modificano nel tempo. Gli stessi alimenti possono generare reazioni diverse a seconda dei pazienti. In generale, si possono comunque individuare alcuni alimenti che sono potenzialmente più a rischio e ai quali dovrebbe far attenzione chi soffre di sindrome del colon irritabile.

  • latte, latticini, gelato;
  • dolcificanti (sorbitolo, fruttosio);
  • marmellata;
  • alcuni frutti come pesche, pere, prugne, uva;
  • alcune verdure come cavoli, carciofi, cipolle, rucola, cetrioli;
  • legumi e patate;
  • spezie, dadi, alimenti concentrati;
  • caffè, tè;
  • bevande gassate;
  • cibo in scatola;
  • carne conservata.

 

Potrebbero interessarti anche...