Categorie
Salute

Ipertensione, non solo sale: anche lo zucchero può far male

MILANO – Non solo il sale: anche lo zucchero favorisce l‘ipertensione, e quindi il rischio di patologie cardiovascolari come l’infarto. Non tutti i tipi di zucchero, però, ma solo il fruttosio, presente soprattutto nello zucchero comune, nei dolci da forno come merendine e biscotti e nei succhi e nelle bibite gassate. Niente rischio, quindi, se si mangia frutta: a dispetto del nome, di fruttosio ce n’è pochissimo.

La colpa, spiegano i ricercatori della Clinica Nefrologica dell’Università Milano-Bicocca (Ospedale San Gerardo di Monza), è dell’acido urico prodotto dal fruttosio, messo sotto accusa da diversi studi che hanno dimostrato che esiste un’associazione tra i livelli di acido urico e l’ipertensione.

Diverse ricerche americane hanno dimostrato che nei bambini e negli adolescenti l’ipertensione è associata a più alti livelli di acido urico. Inoltre la fame di zucchero è legata a quella di sale, il peggiore alimento per l’ipertensione: soprattutto tra i bambini succede che bevano di più perché mangiano più cibi salati, ma per lo più vanno a bere bevande zuccherate, alimentando un circolo vizioso che porta spesso all’ipertensione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.