Emicrania e sclerosi multipla, una dieta specifica aiuta il trattamento

Emicrania e sclerosi multipla, una dieta specifica aiuta il trattamento

7 Dicembre 2021 - di Claudia Montanari

L’uso della dieta chetogenica sta dando risultati “molto promettenti” per il trattamento dell’emicrania e della sclerosi multipla su 50 pazienti arruolati nell’ambulatorio nutrizionale della Clinica Neurologica dell’Università di Udine. La dieta chetogenica è il regime nutrizionale basato sulla riduzione dei carboidrati, che “obbliga” l’organismo a produrre autonomamente il glucosio e ad aumentare il consumo dei grassi contenuti nel tessuto adiposo.



Lo hanno reso noto i ricercatori della stessa Clinica a un convegno a Udine per celebrare i 30 anni della struttura medica che fa parte dell’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale.

Leggi anche: Emicrania, uno studio conferma efficacia di un nuovo farmaco.

Dieta chetogenica, un aiuto per il trattamento di emicrania e sclerosi multipla

La clinica diretta da Gian Luigi Gigli si sta occupando da tempo, tra le poche in Italia, della nutrizione quale frontiera per una migliore gestione di diverse patologie neurologiche. Come per esempio emicrania, demenze, epilessia, Parkinson. Ma anche tumori cerebrali e sclerosi multipla.

“L’utilizzo della terapia chetogenica – hanno evidenziato i ricercatori – sta dando risultati incoraggianti nei 35 pazienti con emicrania e nei 15 pazienti con sclerosi multipla seguiti ad oggi”.

Alla luce di questi esiti, la clinica intende potenziare il reclutamento dei pazienti. Questo, anche grazie ai fondi derivanti dal premio Roche che ha vinto con un progetto basato proprio sull’utilizzo della dieta chetogenica per il trattamento della fatica nella sclerosi multipla.

Al convegno si è anche fatto il punto sui risultati di nuove metodiche sviluppate soprattutto negli ultimi anni per la diagnosi tempestiva delle malattie da prioni. Ovvero, patologie rare e dall’esito infausto, considerate una delle più grandi insidie diagnostiche per il neurologo.

“Tra le metodiche più affermate per il grado di accuratezza estremamente elevato – ha detto Andrea Bernardini – vi è la Real Time Quaking-Induced Conversion. Cioè una metodica di laboratorio che stiamo utilizzando proprio nell’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale su alcuni pazienti selezionati, con risultati molto positivi. In fase di sviluppo anche le applicazioni della RT-QuIC per la diagnosi di altre malattie neurodegenerative più note. Quali il Parkinson, la demenza a corpi di Lewy e l’atrofia multisistemica”.