Categorie
Salute

Emicrania, uno studio conferma efficacia di un nuovo farmaco

La ricerca scientifica ha confermato gli effetti positivi di un nuovo trattamento contro l’emicrania. Il lasmitidan è il primo farmaco autorizzato dalla Fda, la Food and drug administration (l’autorità regolatoria degli Stati Uniti d’America) per il trattamento acuto della patologia. Nello specifico,. due studi di fase III hanno dimostrato una differenza significativa rispetto al placebo nella percentuale di pazienti con emicrania. Questi pazienti hanno avuto, entro 2 ore, la testa libera dal dolore.

Lo studio è stato svolto dai ricercatori del Charité Universitätsmedizin di Berlino e dell’Università di Navarra. E’ apparso sulla rivista scientifica Therapeutic Advances in Neurological Disorders.

In questa ricerca si conferma la capacità del lasmiditan di combattere l’emicrania. Inoltre, si nota come questo farmaco riesca anche a togliere il sintomo più fastidioso dell’emicrania, cioè la fotofobia, la sensibilità degli occhi alla luce.

Leggi anche: Emicrania, realizzato nuovo farmaco che dimezza gli attacchi

Per gli studiosi, lasmiditan è una promettente terapia antiemicranica acuta, in particolare per i pazienti con fattori di rischio cardiovascolare, controindicazioni o effetti collaterali indesiderati ai triptani.

Secondo i ricercatori, una sua potenziale indicazione è per la prevenzione della cefalea a grappolo, i cui pazienti sembra abbiano un maggior rischio di malattie cardiovascolari. Per gli studiosi tedeschi e spagnoli, il farmaco sembra essere una nuova opzione terapeutica per i pazienti con controindicazioni all’uso di triptani e quindi potrebbe ampliare l’arsenale delle terapie acute antiemicraniche.

Il nome commerciale del farmaco, in compresse orali, sarà Reyvow.

L’emicrania è un problema molto diffuso e spesso debilitante. Circa un terzo degli individui che ne soffrono accusa anche l’aura poco prima dell’emicrania stessa. L’aura può essere innescata da vari fattori tra cui stress, mancanza di cibo o sonno. L’emicrania è tre volte più frequente nelle donne che negli uomini e colpisce oltre il 10% delle persone in tutto il mondo.