Categorie
Salute

Diabete, integratori olio di pesce: se li assumi…

Se sei a rischio diabete di tipo 2 e assumi integratori a base di olio di pesce ci sono cattive notizie per te: hanno un effetto nullo o scarso sulla prevenzione della malattia. E’ quanto emerge da una revisione scientifica di oltre 80 studi, commissionata dall’Organizzazione mondiale della sanità, in base alla quale è stato riscontrato che gli acidi grassi non offrono i benefici auspicati contro il diabete, come affermato invece da precedenti ricerche.

Come si legge sul Daily Mail, i ricercatori dell’Università dell’Anglia Oriental, nel Regno Unito, hanno concluso che le persone che ne assumevano di più non avevano meno probabilità di vedersi diagnosticata la condizione cronica. Il team ha anche affermato che i livelli di glucosio nel sangue, insulina ed emoglobina glicata sono simili tra le persone che li assumono e quelli che non li assumono. Tra i partecipanti c’erano uomini e donne e alcuni avevano già il diabete di tipo 2. Venivano da tutti i continenti tranne Africa e Antartide.

L’autore principale, il dottor Lee Hooper, ha dichiarato: “Le nostre ricerche precedenti hanno dimostrato che gli integratori di omega 3 a catena lunga non proteggono da…malattie cardiache, ictus o morte. Questa recensione mostra che non prevengono né curano il diabete. Gli integratori di Omega-3 non devono essere incoraggiati per la prevenzione o il trattamento del diabete. Se le persone scelgono di assumere capsule di olio di pesce supplementari…devono usare dosi inferiori a 4,4 g al giorno per evitare possibili esiti negativi. Questa ampia revisione sistematica ha incluso informazioni di molte migliaia di persone per lunghi periodi. Nonostante tutte queste informazioni, non vediamo effetti protettivi”.

Julii Brainard, autore congiunto della ricerca, ha specificato: “I pesci grassi possono essere un alimento molto nutriente nell’ambito di una dieta equilibrata. Ma non abbiamo trovato prove sufficienti che hanno incoraggiato i partecipanti a mangiare più pesci grassi per sapere se è utile nella prevenzione del diabete o nel miglioramento del metabolismo del glucosio”.