Categorie
Salute

Diabete, iniezioni di insulina 1 volta a settimana sono efficaci quanto quelle giornaliere

Il trattamento di persone con diabete di tipo 2 con una terapia insulinica da iniettare solo una volta alla settimana è sicuro ed efficace quanto le iniezioni di insulina giornaliere. A confermare le speranze di molti pazienti sono due studi clinici internazionali pubblicati online su Diabetes Care. Questi studi hanno coinvolto anche l’Italia.

L’insulina, che è la base del trattamento del diabete ormai da 100 anni, è un efficace agente per ridurre gli zuccheri nel sangue ed è sicura se usata alla dose corretta.

Ma l’avvio e il mantenimento del trattamento con insulina rimangono una sfida per milioni di pazienti in tutto il mondo con diabete di tipo 2. Il peso della terapia iniettabile infatti, contribuisce a ridurre l’aderenza alle terapie, con conseguenze sulla salute.

Ildiko Lingvay, professoressa di medicina interna presso UT Southwestern e autrice principale di entrambi gli studi, spiega: “Per questo un’insulina settimanale potrebbe essere un punto di svolta anche per migliorarne la compliance alle prescrizioni del medico”.

Leggi anche: Diabete, alimenti che ti aiutano a controllare i livelli di glucosio

Diabete, insulina una volta a settimana, gli studi

Il primo lavoro ha coinvolto 205 pazienti provenienti da 7 paesi (Stati Uniti, Croazia, Germania, Ungheria, Polonia, Slovacchia e Spagna). Questo studio ha dimostrato la sostanziale efficacia e sicurezza della terapia settimanale.

Il secondo studio invece ha incluso 154 pazienti provenienti da 5 paesi (Stati Uniti, Canada, Repubblica Ceca, Germania e Italia). I ricercatori hanno valutato i modi migliori per passare da un regime quotidiano a quello settimanale.

Lingvay conclude: “Una somministrazione di insulina una volta alla settimana facilita il trattamento e riduce il carico anche per gli operatori sanitari che si prendono cura di pazienti. In particolare quelli che vivono in strutture di assistenza a lungo termine e quelli con problemi di memoria”.

Leggi anche: Diabete, trovato nuovo trattamento che fa perdere più chili ai pazienti