Categorie
psicologia

Natale, rischio depressione più elevato. Ecco perché

Il Natale è uno dei momenti più magici dell’anno. Gioia, serenità ed entusiasmo sembrano avere la meglio su tutte le altre sensazioni. Ma non per tutti è così, anzi, l’atmosfera natalizia può amplificare il sentimento di inadeguatezza, tristezza ed angoscia in coloro che sono già affetti da depressione.

A Natale, così come a Capodanno, si fa il punto della situazione sulla propria vita: la riflessione su quelli che sono i propri affetti è spontanea e così partono pensieri come: “Anche quest’anno sono sola”, “L’altro Natale c’era papà/mamma, questo no”, oppure “Anche questa volta lui/lei non mi ha voluto con la sua famiglia” ecc.

Ed è proprio il contrasto fra il malessere di chi sta attraversando una parentesi buia della sua vita e la felicità di chi al contrario si sente più felice in questa occasione, che aumenta il senso di irrequietezza e di solitudine.

Per molti nel periodo delle festività aumenta lo stress psicologico e l’ansia si spinge all’estremo. La reazione più comune è quella di rifiutare di andare a fare regali, entrare nel panico in mezzo al traffico che imperversa per le strade della città. Spesso la reazione può anche avere un nome specifico: apatia, assenza totale di reazioni.

Ma come accorgersi di questo malessere ed eventualmente chiedere l’aiuto di un esperto? I sintomi più comuni sono il senso di tristezza, mancanza di appetito e mal di testa. C’è chi inizia a piangere senza un motivo e prima di raggiungere i parenti per il Cenone della Vigilia, si chiude in bagno rifiutando di unirsi alla felicità della propria famiglia.

Bisognerebbe invece riflettere sulle cause del malessere. Certamente a Natale non si deve essere felici per forza, ma neanche infelici non appena inizia il mese di dicembre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.