Deficit dell’attenzione? Il “controllo cognitivo” aiuta