Torta Anacaprese al Limone (senza glutine)

Roma – Torta Anacaprese al Limone (senza glutine*).

Angela Strati ci presenta la ricetta della Torta Anacaprese al Limone.

La ricetta di questa meravigliosa torta mi è stata data dalla mia amica Laura, io ho apportato solo qualche piccola variazione sulla dose di zucchero temendo che fosse troppo dolce per i gusti della mia famiglia, ho usato direttamente la farina di mandorle e ho aggiunto una piccola dose di fecola, ma che dire… definirla paradisiaca è riduttivo! È perfetta! Fragrante, profumata … una golosità a cui non si può dire di no. La ricetta classica è fatta con mandorle, cioccolato fondente, burro, uova e zucchero, tuttavia esiste anche la versione bianca, l’Anacaprese, che sostituisce al cioccolato fondente il cioccolato bianco e unisce l’aroma di limoni e limoncello rendendola più fresca. Quest’ultima è proprio quella che vi propongo io.

Tempo di realizzazione.
70 minuti.

Difficoltà.
Facile.

Ingredienti (per 2 stampi da 20 cm).
200 g di cioccolato bianco.
250 g di farina di mandorle.
50 g di fecola di patate.
5 uova (250 g).
170 g di zucchero.
200 g di burro.
La scorza grattugiata di 3 limoni.
3 cucchiai di succo di limone.
1 bicchierino di limoncello (50 g).

Procedimento.
Sciogliere cioccolato e burro a bagnomaria ed emulsionare bene con un leccapentole in modo da ottenere un composto omogeneo e cremoso.

Aggiungere farina di mandorle, fecola setacciata, buccia e succo dei limoni, il limoncello ed amalgamare tutto con cura. Separare i tuorli dagli albumi e montarli ciascuno con metà dose di zucchero, i primi fino a che non diventino bianchi e spumosi, i secondi a neve lucida.

Amalgamare delicatamente la montata di tuorli alla massa di cioccolato e mandorle e finire unendo gli albumi, mescolando dal basso verso l’alto, per non smontare la massa.

Versare nelle teglie imburrate e infarinate e cuocere in forno statico a 180°C per i primi 10 minuti, poi a 160°C per 35/40 minuti circa.

Lasciare raffreddare bene e servire cosparso di zucchero a velo.

NB: tempi e temperature possono variare in base alla tipologia del forno.

* Raccomandazione per il senza glutine:

Si specifica che se si vuole essere certi di ottenere un prodotto gluten free tutti gli ingredienti utilizzati devono essere certificati senza glutine.

Marchio senza glutine

Affinché un prodotto possa essere considerato senza glutine bisogna inoltre rispettare delle norme igieniche ben precise poiché la contaminazione può avvenire in svariati modi. (in fondo alla ricetta alcuni consigli dettati dall’AIC – Associazione Italiana Celiachia)

Consigli per la preparazione di prodotti senza glutine:

  • una volta aperte le confezioni dei prodotti, riporle in maniera che non si possano contaminare con altri prodotti contenenti glutine (ad esempio riporre la farina sg in contenitori di plastica chiusi)
  • preparare le pietanze su superfici pulite e con pentole, stoviglie e posate pulite (è inutile utilizzare utensili dedicati). Sia il lavaggio a mano che quello in lavastoviglie garantiscono la rimozione dei residui di glutine
  • lavarsi sempre le mani prima di cucinare (che è una buona norma per tutti!) e comunque ogni volta che si siano sporcate con alimenti con glutine (ad esempio: farina)
  • non utilizzare per la cottura di pietanze sg acqua che sia stata precedentemente utilizzata per cuocere pasta o altri alimenti con glutine
  • non friggere in olio precedentemente utilizzato per la frittura di alimenti con glutine
  • utilizzare carta da forno o fogli di alluminio su superfici (ad esempio la piastra o la griglia del forno) che potrebbero essere state contaminate
  • evitare l’inutile utilizzo di spugne dedicate. È, infatti, sufficiente un accurato risciacquo in acqua corrente per allontanare gli eventuali residui alimentari
  • è possibile utilizzare lo stesso forno per la cottura contemporanea di alimenti con glutine e sg, prestando attenzione nel maneggiare le teglie, per evitare di far ricadere residui con glutine negli alimenti sg. Un accorgimento utile e molto semplice può essere quello di far cuocere gli alimenti sg sui ripiani più alti del forno e quelli con glutine su quelli più bassi.
  • Un ulteriore consiglio può essere quello di organizzare la dispensa in modo da tenere i prodotti senza glutine separati dagli altri, per evitare il rischio che, per distrazione, si utilizzi il prodotto sbagliato

.

In collaborazione con il Gruppo Facebook “Quelli che non solo dolci” 

Per saperne di più sul gruppo “Quelli che non solo dolci” clicca qui.

Se vuoi diventare anche tu un membro del gruppo clicca qui.

.

Chi è Angela Strati.

Mi chiamo Angela e faccio la mamma e la moglie a tempo pieno. Sono sempre stata un’appassionata di cucina, ma da qualche anno anche di pasticceria grazie al maestro Luca Montersino. Tanto tempo fa ho visto per caso questo pasticciere in tv e il suo modo di spiegare la pasticceria, così chiaro e diretto, mi ha aperto un mondo. Da allora ho cominciato a volerne sapere sempre di più e a seguire, oltre lui, anche altri grandi maestri tramite libri e corsi, cercando, spesso indegnamente, di riprodurne i contenuti. E anche se spesso mi capita di avere delle difficoltà, e magari vedere un piatto o un dolce che non riesce come vorrei, provare e riprovare è il mio motto, fino a quando il gusto e l’estetica non siano in sintonia perfetta e soddisfino  pienamente palato e vista.
Potete trovare Angela nel suo Blog Profumo di Zenzero e Cioccolato.

Angela Strati

Angela Strati

.

Per tante altre ricette visita anche la nostra Pagina Facebook “Lady Kitchen in cucina con Ladyblitz” cliccando QUI e metti MI PIACE.

like

Potrebbero interessarti anche...