attualità

Vino, verso l’obbligo di inserire etichetta e numero di calorie

bicchieri di vino

Entro la fine dell’anno prossimo le etichette del vino dovranno riportare in etichetta il contenuto energetico, cioè le calorie. Un valore che, attestandosi in media su 70 calorie per 100 ml di vino, sdogana i due bicchieri di vino ai pasti (per un totale di 140 calorie) previsti dalla Dieta Mediterranea, anche in vista della prova-costume. Inoltre il consumatore potrà conoscere tramite un Qr Code ingredienti e eventuali prodotti allergenici, grazie all’avvio dell’etichettatura digitale (e-label).

A introdurre la novità è l’accordo provvisorio raggiunto a Bruxelles sulla Politica agricola comune (Pac). Ora dovrà passare l’esame dei Ministri dell’Agricoltura e dell’Europarlamento. Se verrà confermata, la rivoluzione delle etichette permetterà a chi beve di sapere quante calorie contiene ogni bicchiere. Questo accordo fa seguito anche alle proposte della Commissione Ue sul piano europeo di lotta al cancro, dello scorso febbraio.

Leggi anche: Sospetti di bere troppo vino? I segnali con cui ti avverte il tuo corpo.

Etichette nutrizionali sulle bottiglie di vino, una rivoluzione

Commenta all’ANSA il segretario generale della Unione Italiana Vini (Uiv) Paolo Castelletti, “Apprezziamo l’intesa raggiunta che peraltro vede il vino prodotto nell’Unione Europea, Italia compresa, in ruolo di apripista nell’operazione-trasparenza con i consumatori. Senza peraltro far divenire l’etichetta un “bugiardino” con caratteri piccolissimi e in una Babele di lingue. Soddisfazione è in particolare per questa soluzione che, grazie all’e-label, evita difficoltà per le Pmi vitivinicole e per tutte le aziende con ampia gamma produttiva sia nel confezionamento che nella gestione del magazzino e logistica.

Visto che la normativa comunitaria è identica per tutti i consumatori Ue abbiamo rischiato di dover stampare in oltre 22 lingue. E fare spedizioni differenziate per i mercati di destinazione, un disastro. Accogliamo con favore anche la scelta dei pittogrammi per l’indicazione obbligatoria delle avvertenze sanitarie (logo donna incinta, logo divieto di guida in stato d’ebrezza, divieto di consumo ai minori) che diventeranno obbligatorie entro la fine del 2023″.

Leggi anche: Quanto zucchero c’è nel vino e qual è il tipo che ne contiene meno.