attualità

Donne e disuguaglianze: nel 2019-20 persi 54 milioni di posti di lavoro

donna al pc
A livello globale, nel 2019-20 le donne hanno perso 54 milioni di posti di lavoro. Sono colpite in modo sproporzionato dall’inquinamento ambientale, ma sono anche escluse dal processo decisionale sulle politiche e i finanziamenti per affrontare le emergenze, inclusa quella della pandemia.

Donne e disuguaglianze, i numeri

Nonostante siano state in prima linea nella risposta al Covid-19, costituendo il 70% degli operatori sanitari, attualmente detengono solo il 24% dei posti nelle task force Covid-19 che hanno coordinato la risposta in tutto il mondo.
A mettere in luce come la pandemia “abbia esacerbato le disuguaglianze di genere preesistenti” è UN Women. L’organizzazione lancia un nuovo “Piano femminista per la sostenibilità e la giustizia sociale, ‘oltre il Covid'”. Secondo il documento presentato dall’ente delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere e messo a punto da oltre 100 esperti internazionali, “entro la fine del 2021, i posti di lavoro degli uomini saranno ripresi. Ma ci saranno ancora 13 milioni di donne in meno occupate”. Tra l’altro, si legge, “anche prima della pandemia, le donne hanno svolto un lavoro di cura non retribuito tre volte più di frequente rispetto agli uomini”.

4 azioni importanti

Per affrontare queste crisi si incrociano tra loro, UN Women chiede 4 azioni.
In primis aumentare gli investimenti pubblici per l’assistenza e le infrastrutture sociali, aumentando il sostegno per gli operatori sanitari non retribuiti. Questo “potrebbe creare il 40-60% in più di posti di lavoro rispetto agli stessi investimenti in edilizia”.
In secondo luogo, si deve “assicurare sistematicamente la rappresentanza delle donne nelle strutture e nei meccanismi di partecipazione pubblica che affrontano il cambiamento climatico e la risposta alle emergenze”.
La road map chiede quindi “finanziamenti per le organizzazioni per i diritti delle donne, “oggi tristemente sottofinanziate”. Tanto che nel 2018-19 hanno ricevuto solo una piccolissima frazione degli aiuti totali.
Un Women chiede infine di “sfruttare il potenziale della transizione verso la sostenibilità ambientale. Questo, potrebbe creare fino a 24 milioni di nuovi posti di lavoro verdi. “Dando alle donne la possibilità di “accedere alla loro giusta quota di opportunità”.