Categorie
ambiente

Corsa o camminata? Tutti i pro e i contro di entrambe

Corsa o camminata? Meglio i ritmi sostenuti della corsa o lunghe camminate a regime costante? Quale attività porta più benefici? Con Fabiana Farina, food tutor e personal trainer, tra i soci di progetto benessere 360, analizziamo intanto la differenza tra i due tipi di attività.

Per camminata veloce si intende una camminata a ritmo sostenuto, solitamente compreso tra i 5 e i 6,5 km all’ora. Questa attività aumenta la frequenza cardiaca e consente di bruciare più calorie rispetto a quando si cammina al ritmo abituale, ma meno se confrontate a quando si corre

Aumentando leggermente il passo si arriva a compiere una corsa leggera, chiamata anche jogging (7,0-8,5 km/h). Si parla di corsa vera e propria, invece, quando il ritmo supera questo parametro.

Leggi anche: Dimagrire con la camminata: il piano di 31 giorni per perdere peso

Corsa o camminata, cosa è meglio per dimagrire?

“Le evidenze scientifiche dicono che correre porta benefici in modo più veloce e immediato rispetto alla semplice camminata. 5 minuti di corsa al giorno danno gli stessi vantaggi per la salute di 15 minuti di camminata. Due ore di corsa alla settimana per un anno portano a perdita di peso, abbassamento del ritmo cardiaco a riposo, riduzione del grasso corporeo e dei trigliceridi nel sangue, oltre ai sostanziali benefici sull’umore. Ma un buon regime di camminata può avere gli stessi effetti, anche se occorrono più tempo e dedizione”.

Chi corre abitualmente, a parità di condizioni ed esclusi altri fattori, vive più a lungo di chi non lo fa (in media 3,8 anni in più per gli uomini e 4,7 per le donne), perché si riducono i rischi di malattie cardiovascolari.

Anche la camminata, tuttavia, comporta grandi benefici per la salute, e data la quasi assenza di rischi, più lo si fa, meglio è.

La corsa comporta però un rischio maggiore di infortuni: lesioni, problemi al tendine d’Achille, dolori legati allo stress fisico come fascite tibiale o plantare (l’infiammazione dei muscoli all’interno della gamba o della pianta del piede). Le probabilità di farsi male durante la corsa sono maggiori del 25% circa rispetto a chi cammina. Il motivo è dovuto dal maggior impatto sul terreno.

Leggi anche: Camminata veloce VS corsa: quale esercizio è giusto per te?

“Sta quindi a noi scegliere il tipo di allenamento che più si addice alle nostre esigenze. Che sia la camminata a ritmo sostenuto o la corsa, l’importante – conclude Farina – è muoversi e praticare un’attività che ci faccia stare bene e ci dia soddisfazioni”.