Categorie
benessere

Dimagrire con la camminata: il piano di 31 giorni per perdere peso

Più volte abbiamo parlato dei benefici della camminata non solo per dimagrire ma anche per promuovere la nostra salute. Ora, è stato ideato un programma apposito dedicato alla camminata che permette di perdere peso in 31 giorni. Stephanie Mansour, personal trainer, ha ideato un nuovo sistema con cui è possibile dimagrire con la camminata in soli 31 giorni.  

Su Today, Mansour spiega che per sbarazzarsi di qualche chilo in più senza uccidersi con la dieta o l’esercizio fisico è necessario seguire uno stile di vita sano e fare regolare attività fisica, allenandosi però a intervalli. Ed è possibile fare un esercizio di questo tipo anche con la camminata.

La personal trainer suddivide i 31 giorni in tre livelli, in cui si alternano intensità differenti. Alcuni giorni sono dedicati al riposo. Per raggiungere il tuo obiettivo devi seguire le precise indicazioni, soprattutto nei giorni in cui devi camminare con maggiore intensità. 

Leggi anche: La camminata fa dimagrire ma solo se la fai in questo modo

Questo è il piano per dimagrire con la camminata

– Fase A: si effettua nei giorni 1, 3, 5, 6, 10, 14,19 e 25. In questi giorni il ritmo della camminata sarà leggero. È utile, soprattutto, per quelle persone che iniziano a fare esercizio. 

– Fase B: l’esercizio è più intenso e si effettua nei giorni 8, 11, 13, 15, 18, 21, 22, 23, 26, 27, 29, 30 e 31. 

– Giorni di riposo: 2, 4, 7, 9, 12, 16, 20, 24 e 28.

Come camminare per perdere peso 

Nella fase A: riscaldarsi per tre minuti camminando a un ritmo normale, continuare per un minuto a passo sostenuto e due minuti normali. Quindi alterna 12 minuti di camminata veloce e normale, ad esempio, due minuti di normale e uno veloce, e finisci con tre minuti di camminata a un ritmo normale. 

Nella fase B: tre minuti di camminata di riscaldamento a un ritmo normale, più un minuto di camminata veloce, più un altro minuto di camminata normale. Dopodiché, devi alternare dieci minuti di camminata veloce e normale ogni minuto. Questo vuol dire: un minuto veloce, un altro minuto normale. Quando hai finito, fai sei minuti in cui la camminata veloce dura un minuto, la camminata normale solo 30 secondi. Termina con tre minuti di cammino a un ritmo normale. 

Bene, ora che conosciuamo questo metodo, cerchiamo di capire perché effettivamente aiuta a dimagrire e come.

Puoi perdere peso con la camminata?

Chiamiamo perdere peso la perdita di una percentuale di grasso. Ciò che guiderà la perdita di grasso sarà principalmente il deficit calorico dato da una dieta sana (dando la priorità agli alimenti freschi ed evitando quelli ultra elaborati) combinata all’allenamento. Camminare o condurre una vita attiva ci aiuterà ad aumentare il nostro NEAT (dispendio calorico non correlato all’esercizio fisico).

Leggi anche: Quanto tempo devi camminare ogni giorno se vuoi perdere peso?

E’ possibile dimagrire in un mese camminando?

Dipende dalla persona e dalla sua condizione fisica. Non esiste un tempo prestabilito per la perdita di grasso. Più ci allontaniamo dallo stile di vita sedentario, più l’obiettivo sarà accessibile.

Come riferimento possiamo prendere in considerazione i passi. Diversi studi dicono che con 10.000 passi possiamo considerarci attivi. Ma la tendenza attuale indica che dovrebbero salire a 13.000 e persino superare i 15.000. Più alta è la media alla fine della settimana, più beneficeremo dell’aumento del nostro NEAT. È vero che più studi parlano di 31 giorni come principale fattore di aderenza a una routine. Anche se non dovrebbe trattarsi solo di creare una routine, ma di implementare un deficit calorico (pianificato da un nutrizionista qualificato), allenamento della forza e abitudini sane.

Camminare a intervalli o variare il terreno 

È un modo per aumentare la combustione delle calorie. Tuttavia, il lavoro HIIT o l’esercizio a intervalli è ciò che funziona di più quando si tratta di perdere peso. Certo, è conveniente farlo con un personal trainer e con un braccialetto che misura la frequenza cardiaca per evitare di mettere a rischio il cuore.