Ictus, insonnia e apnea ostruttiva aumentano il rischio