tv

6 documentari sulla crisi climatica e ambientale e sulle possibili soluzioni

cartello non c'è un pianeta B

La crisi climatica è uno dei problemi maggiori degli ultimi anni. Dal 31 ottobre al 12 novembre Glasgow ospiterà il COP26, il ventiseiesimo vertice globale (Conference of the Parties) sul clima organizzato dalle Nazioni Unite e che coinvolgerà oltre 190 leader mondiali. Al centro, proprio il tema della crisi climatica. E la necessità di collaborare e intervenire unitamente per azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050. Puntando a limitare l’aumento delle temperature a 1,5°C.

Per approfondire le problematiche legate ai cambiamenti climatici e per uno sguardo sulle nuove opportunità, il canale culturale Arte in Italiano (arte.tv/it) — fruibile gratuitamente, con sottotitoli in italiano, sul sito, sulle app ARTE per smart TV, Fire TV, Apple TV e dispositivi mobili — consiglia 6 documentari sulla crisi climatica e ambientale. E sulle ultime prospettive e ricerche: una panoramica, mostrata e raccontata da voci internazionali, della gravità della situazione attuale, ma anche delle possibili soluzioni.

Crisi climatica: “Bioeconomia: una rivoluzione verde”

I campanelli d’allarme legati ai cambiamenti climatici si manifestano a ogni latitudine. E il nostro modello di sviluppo, fondato in particolare sullo sfruttamento dei combustibili fossili, non è più sostenibile. Come coniugare benessere e una rapida transizione ecologica? La risposta si trova nella ‘bio-economia’: dall’energia delle biomasse alle “mosche-soldato”; lo racconta Bioeconomia: una rivoluzione verde.

Crisi climatica: “Il cambiamento climatico è già realtà”

Spesso visto nei paesi occidentali come una minaccia lontana nel tempo, la crisi climatica di fatto sta già trasformando la vita quotidiana di milioni di esseri umani. Il documentario Il cambiamento climatico è già realtà è un giro del mondo tra le popolazioni e i paesaggi che già soffrono molto concretamente e duramente le conseguenze.

“Avocado: un frutto poco sostenibile”

Un solo avocado consuma in un giorno tanta acqua quanto una famiglia di quattro persone. La domanda di questo frutto prelibato e ricco di vitamine non accenna a diminuire. Ma in molti posti ci si interroga sulla sostenibilità della sua produzione. Avocado: un frutto poco sostenibile illustra in particolare il caso del Portogallo, dove le monocolture minacciano l’ambiente e i piccoli agricoltori.

Leggi anche: Afghanistan, su ARTE.TV 6 documentari per conoscerlo più da vicino.

“Siccità in Europa: catastrofe in vista?”

Gli ultimi sono stati anni caratterizzati da temperature eccezionalmente elevate. Che hanno portato all’accelerazione progressiva di fenomeni come il disseccamento del suolo e all’allungamento della stagione degli incendi. L’inchiesta Siccità in Europa: catastrofe in vista? analizza la situazione e pone delle domande. Quali soluzioni approntare per arginare tale deriva climatica? Sarà sufficiente la rivoluzione della ‘genetica verde’ per rendere l’agricoltura sostenibile?

Crisi climatica: “Lo scioglimento dei ghiacciai sulle Alpi”

Negli ultimi 15 anni, i ghiacciai delle Alpi hanno perso un ottavo del loro volume e il loro scioglimento ha ora conseguenze significative sul piano ambientale ed economico. Lo scioglimento dei ghiacciai sulle Alpi racconta questo problema senza dimenticare il rischio crescente di frane e inondazioni causate dalla fragilità dei massicci rocciosi. Le nuove tecniche di innevamento artificiale basteranno a salvare i ghiacci alpini?

“Buone notizie dal pianeta”

I media traboccano di bad news sullo stato di salute degli ecosistemi e delle risorse naturali, eppure sembrano esserci buone ragioni per conservare un po’ di ottimismo. Buone notizie dal pianeta mostra i progressi nel settore dell’acqua focalizzando l’attenzione su tre aree geografiche “critiche”: Las Vegas, le aree bagnate dal fiume Giordano e la Spagna agricola.

Per saperne di più, ARTE ha messo a disposizione anche altri contenuti sul tema: dalle conseguenze dell’industria tessile, ad approfondimenti sullo sfruttamento delle falde acquifere da parte delle multinazionali a un documentario sul legno, grande risorsa per l’edilizia e possibile soluzione contro le emissioni di CO2.