Categorie
Salute

Troppo fruttosio può danneggiare il sistema immunitario

Si trova in bevande zuccherate, dolci e alimenti trasformati ed è ampiamente utilizzato nella produzione alimentare. Il fruttosio, se utilizzato in grandi quantità nella dieta, potrebbe impedire il corretto funzionamento del sistema immunitario delle persone in modi che, fino ad ora, erano in gran parte sconosciuti.

Il fruttosio infatti stimola l’infiammazione nel sistema immunitario e questo processo fa produrre molecole più reattive associate all’infiammazione stessa. Ciò può danneggiare cellule e tessuti e contribuire al non funzionamento corretto di organi e sistemi del corpo. Questo, potrebbe portare a malattie.

Lo rileva una ricerca dell’Università di Swansea, pubblicata su Nature Communications. L’assunzione di fruttosio in quantità importanti è associata all’obesità, al diabete di tipo 2 e alla steatosi epatica non alcolica. Il dato preoccupante è che il consumo di fruttosio è aumentato notevolmente negli ultimi anni nel mondo sviluppato.

Leggi anche: Diabete, come evitare cibi contenenti sciroppo di fruttosio

Tuttavia, la comprensione dell’impatto di questo zucchero sul sistema immunitario delle persone che lo consumano in livelli elevati fino ad ora era limitata. La ricerca porta anche a una maggiore comprensione dei meccanismi tramite i quali il fruttosio potrebbe essere collegato proprio al diabete e all’obesità. Questo perché un’infiammazione a bassa intensità è connessa a queste due patologie, in particolare al peso in eccesso.

Caratteristiche del fruttosio e perché può essere dannoso

Il fruttosio è un monosaccaride. La principale fonte alimentare naturale di questo zucchero è la frutta, motivo per cui viene spesso identificato come lo “zucchero della frutta”. Il problema principale del fruttosio, ovviamente, non è dato da quello che assumiamo mangiando la frutta.

I maggiori pericoli derivano dalle bevande o snack in cui sono aggiunte elevate quantità di questo zucchero. Anche perché questi prodotti vengono consumati per lo più al di fuori dei pasti e dei conteggi di calorie necessari per il nostro benessere.

Leggi anche: Diabete, quanta e quale frutta si può mangiare per non alzare la glicemia secondo il diabetologo