Trigliceridi alti: 6 modi naturali per abbassarli

colesterolo_Tè_ibisco

ROMA – I trigliceridi sono il tipo più comune di grasso nel corpo. I trigliceridi sono molto importanti per il benessere del nostro organismo in quanto, oltre a rappresentare un’importantissima riserva energetica (1 kg di grasso fornisce circa 8700 kcal)fungono anche da isolanti termici. L’alimentazione, sia che essa provenga da fonti animali sia da fonti vegetali, può influenzare i livelli dei trigliceridi nel sangue. Esistono molti tipi diversi di grassi, dai grassi polinsaturi dell’olio d’oliva ai grassi saturi della carne rossa. Tutti contribuiscono ai livelli di trigliceridi nel corpo, anche se in modo diverso. Quando vengono assimilate più calorie di quelle necessarie per vivere, il nostro corpo immagazzina queste calorie in eccesso sotto forma di trigliceridi, per poi consumarli quando ne ha bisogno.

I trigliceridi sono importanti per la salute, ma livelli alti aumentano il rischio di malattie cardiache. Esistono molti modi per ridurre i livelli di trigliceridi in modo sicuro e naturale, vediamone 6.

Ridurre l’assunzione di calorie: avere l’abitudine di consumare più calorie di quelle necessarie comporterà un accumulo di trigliceridi nel corpo. Un modo per abbassare i livelli di trigliceridi nel sangue è consumare meno calorie ogni giorno. Secondo l’American Heart Association (AHA), una perdita di peso del 5-10% può ridurre i livelli di trigliceridi del 20%. Esiste una correlazione diretta tra l’entità della perdita di peso e la diminuzione dei trigliceridi.

Scegliere i grassi giusti: anche in una dieta bilanciata, i grassi non vanno eliminati ma scelti con cura. La scelta di grassi sani può aiutare a ridurre i livelli di trigliceridi. I grassi provengono dalla carne, dai latticini grassi e da alcuni oli tropicali, come l’olio cocco e quello di palma. Questi alimenti contengono grassi trans e grassi saturi. I grassi trans e i grassi saturi aumentano i livelli di trigliceridi, quindi le persone dovrebbero cercare di sostituirli laddove possibile. I grassi insaturi, in particolare i grassi polinsaturi (PUFA), possono aiutare a ridurre i livelli di trigliceridi. Gli avocado e l’olio d’oliva contengono grassi monoinsaturi, una scelta salutare. I grassi omega-3 sono presenti nell’olio di fegato di merluzzo, semi di lino e pesce d’acqua fredda, come salmone e sardine. Per esempio, una scelta salutare può essere quella di scegliere, al posto di un hamburger che è ricco di grassi saturi, un filetto di salmone o di tonno.

Scegliere il giusto tipo di carboidrati: per diminuire i trigliceridi, bisogna limitare l’apporto totale di carboidrati a non più del 60% del fabbisogno giornaliero calorico raccomandato. Se vengono assunti più carboidrati del necessario, il corpo li immagazzinerà sotto forma di grasso. Un aumento dei livelli di trigliceridi sembra essere in correlazione con un’alimentazione con un apporto di carboidrati superiore al 60%. E’ anche importante scegliere il giusto tipo di carboidrati, come i cereali integrali, i fiocchi d’avena naturali e le verdure. Per dessert, optare per mirtilli freschi, congelati , more o lamponi invece di prodotti da forno zuccherati. Questi frutti possono ridurre il desiderio di zucchero e allo stesso tempo fornire carboidrati salutari.

Ridurre l’assunzione di zucchero: Gli zuccheri sono una forma di carboidrati e sono ricchi di calorie. Gli alimenti che contengono molti zuccheri semplici possono aumentare i livelli di trigliceridi. Lo zucchero aggiunto è disponibile in molte forme, tra cui: zucchero bianco, zucchero di canna, miele, concentrato di succo di frutta, glucosio, fruttosio, maltosio, sciroppi come l’acero, l’agave e la melassa. Bisognerebbe evitare gli zuccheri aggiunti per aiutare a ridurre i loro livelli di trigliceridi. Per esempio, invece di zucchero, insaporire con le spezie, come la cannella o lo zenzero. Optare per i dessert a base di frutta invece che di gelato prodotti dolciari. Quando si acquistano prodotti pronti per il consumo, sarebbe bene ricordare che molti contengono zucchero aggiunto. Pertanto, controllare l’etichetta prima di acquistare un prodotto e provare a trovarne uno con un basso contenuto di zucchero. Ogni 4 grammi (g) di zucchero equivale a 1 cucchiaino (cucchiaino). L’ AHA raccomanda un apporto giornaliero massimo di zucchero di 25 g (circa 6 cucchiaini) per le donne e di 36 g (9 cucchiaini) per gli uomini.

Esercizio fisico: l’attività fisica svolge un ruolo fondamentale nella riduzione dei livelli di trigliceridi. Le calorie bruciate assicurano che il corpo stia utilizzando più di quando possa immagazzinare. Qualsiasi esercizio è efficace, ma l’entità dei suoi effetti dipenderà da: i livelli iniziali di trigliceridi dell’individio, la quantità di esercizio e il livello di intensità dell’esercizio. Camminare per 30 minuti ogni giorno è un ottimo modo per iniziare, così come impegnarsi in attività a basso stress, come il ciclismo o il nuoto.

Scegliere con cura le bevande: Le bevande spesso contribuiscono in modo significativo all’assunzione complessiva di carboidrati e zuccheri. Le bevande alla frutta, le bevande analcoliche e altre bevande zuccherate sono tra le principali fonti di zuccheri aggiunti nell’alimentazione. Meglio ber acqua invece di bevande zuccherate, o tè e tisane senza zucchero.

Potrebbero interessarti anche...