Salute

Stress da Covid, calo del desiderio e irregolarità mestruale nelle donne

Calo del desiderio e irregolarità mestruale: come lo stress da Covid ha influito sulle donne

La pandemia è stata pagata a caro prezzo dalle donne. Più della metà ha subito cambiamenti nel ciclo mestruale durante il primo anno di Covid. La maggioranza ha sperimentato un ridotto desiderio sessuale. Lo dice uno studio che sarà presentato alla conferenza annuale della Society for Endocrinology a Edimburgo.

Stress da Covid, come ha influito sulla salute delle donne.

I ricercatori irlandesi, che hanno interrogato 1.000 donne, puntano il dito contro lo stress da pandemia. Sotto accusa “un carico psicologico senza precedenti” causato dalla crisi da Covid. La situazione di pericolo ha aumentato l’ansia e la depressione e ha ridotto la qualità del sonno. La salute riproduttiva ne è rimasta compromessa.

Come si è svolto lo studio.

I ricercatori del Trinity College di Dublino hanno intervistato 1.300 donne nell’aprile 2021, chiedendo informazioni sui loro disturbi mestruali. Per esempio cicli irregolari, mancati, dolorosi o pesanti e sintomi premestruali. Sono state fatte domande anche sulla qualità del sonno, sui livelli di ansia e depressione.

Circa il 56% delle partecipanti ha affermato che il proprio ciclo mestruale è cambiato dall’inizio della pandemia. Quasi due terzi hanno affermato che i loro sintomi premestruali sono peggiorati e il 54% ha affermato di avere un ridotto desiderio sessuale.

E i tassi di ansia grave, depressione e sonno scarso sono più che raddoppiati dai livelli pre-pandemia tra le “donne in età riproduttiva”. Questo conferma che alti livelli di stress e l’interruzione del sonno possono interferire con i cicli mestruali.

La dottoressa Michelle Maher, autrice dello studio, ha dichiarato: “I nostri risultati evidenziano la reale necessità di fornire cure mediche adeguate e supporto per la salute mentale alle donne colpite da disturbi mestruali, dato il carico psicologico senza precedenti associato alla pandemia”.

“Questo studio è stato condotto in una fase relativamente iniziale del programma di vaccinazione contro il Covid, quindi la durata della pandemia e l’efficacia del vaccino possono influenzare i risultati futuri”. “Sono necessarie ulteriori indagini con dati oggettivi e misurabili”.

Ha aggiunto: “Incoraggeremmo le donne che soffrono di disturbi riproduttivi – come periodi irregolari, mancati, dolorosi o pesanti, sindrome premestruale o riduzione del desiderio sessuale – così come disturbi della salute mentale – compresi i sintomi di umore basso, ansia, stress e sonno scarso. — a vedere il loro medico di famiglia per un consiglio. Fonte: Daily Mail. Foto da Pixabay.