Categorie
Salute

Sigarette elettroniche: “Mancano dati certi su sicurezza”

ROMA – Sigarette elettroniche, gli pneumologi vanno cauti: “Mancano dati certi sulla loro efficacia e sicurezza”. Per questo chiedono nuovi studi indipendenti a medio e lungo termine. L’appello arriva da Francesco Blasi, presidente della European Respiratory Society, l’associazione che riunisce gli pneumologi europei.

Blasi sottolinea: ”Mi sembra ragionevole proprio per questo il parere espresso dal Consiglio superiore di Sanità, che prevede il divieto nelle scuole e durante la gravidanza. Non esistono studi che ci dicano che effetti possono avere sull’organismo, soprattutto nel lungo termine, e non è neppure provato, come spesso si è detto, che servano a far smettere di fumare”.

Per questo motivo gli pneumologi chiedono studi indipendenti, “magari finanziati a livello europeo, che quindi porterebbero le sigarette elettroniche ad essere controllate alla stregua dei farmaci”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.