Menopausa, 6 cibi ricchi di estrogeni per contrastare i sintomi

Menopausa, 5 rimedi naturali per combattere i sintomi

ROMA – Quando la donna entra nel periodo della menopausa, vi è un calo fisiologico degli estrogeni. L’estrogeno è un ormone che svolge una serie di funzioni importanti nel corpo femminile, compresa la regolazione del ciclo mestruale. Viene prodotto principalmente dalle ovaie, ed è coinvolto nella regolazione del sistema riproduttivo femminile. Per questo motivo, quando durante la menopausa gli estrogeni calano, possono svilupparsi una serie di sintomi ed effetti collaterali spiacevoli come vampate di calore, sudorazione eccessiva e aumento di peso.

I fitoestrogeni, noti anche come estrogeni alimentari, sono composti vegetali presenti in natura che possono agire in modo simile a quello degli estrogeni prodotti dal corpo umano. Per questo motivo, assumere molti alimenti ricchi di fitoestrogeni durante la menopausa può aiutarci a contrastare molti dei fastidiosi sintomi caratteristici di questa fase.

I fitoestrogeni hanno una struttura chimica simile a quella degli estrogeni e possono imitarne le azioni ormonali. Tuttavia, non tutti i fitoestrogeni funzionano allo stesso modo. I fitoestrogeni hanno dimostrato di avere effetti sia estrogenici che antiestrogenici. Ciò significa che, mentre alcuni fitoestrogeni hanno effetti simili agli estrogeni e ne aumentano i livelli di nel corpo, altri ne bloccano gli effetti. Per questo è bene scegliere i giusti alimenti durante la menopausa.

Semi di lino: sono ricchi di lignani, che fanno parte della famiglia dei fitoestrogeni. Secondo le ricerche, i semi di lino contengono fino a 800 volte più lignani rispetto ad altri alimenti vegetali. Inoltre, gli studi hanno dimostrato che i fitoestrogeni presenti nei semi di lino possono svolgere un ruolo importante nel ridurre il rischio di carcinoma mammario, in particolare nelle donne in postmenopausa.

Soia ed edamame: i semi di soia vengono trasformati in molti prodotti a base vegetale, come il tofu e il tempeh. Possono anche essere gustati interi come edamame. I fagioli di Edamame sono semi di soia verdi e immaturi. Sia la soia che l’edamame sono stati associati a molti benefici per la salute e sono ricchi di proteine ​​e molte vitamine e minerali. Inoltre, sono ricchi di isoflavoni, altra famiglia appartenente ai fitoestrogeni. Gli isoflavoni della soia possono riprodurre gli effetti degli estrogeni naturali. Uno studio ha scoperto che le donne che hanno assunto un integratore di proteine ​​di soia per 12 settimane hanno avuto una moderata riduzione dei livelli di estrogeni nel sangue rispetto a un gruppo di controllo che non aveva assunto integratore di proteine di soia. Tuttavia, l’effetto degli isoflavoni di soia sui livelli di estrogeni è complesso e sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter trarre conclusioni certe.

Frutta secca: oltre ad essere gustosa e versatile, la frutta secca è ricca di nutrienti e soprattutto fitoestrogeni. Noci, albicocche e prugne secche rappresentano alcune delle fonti alimentari più ricche di fitoestrogeni. Inoltre, la frutta secca contiene molte fibre e altri nutrienti importanti, che li rendono uno spuntino sano e veloce.

Aglio: sebbene gli studi sugli effetti dell’aglio sull’uomo siano limitati, numerosi studi su animali hanno dimostrato che può influenzare i livelli di estrogeni nel sangue. Inoltre, uno studio durato 1 mese su alcune donne in postmenopausa ha dimostrato che gli integratori di olio di aglio possono offrire effetti protettivi contro l’osteoporosi correlata alla carenza di estrogeni, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche.

Pesche: non sono solo ricche di vitamine e minerali, ma contengono anche tantissimi fitoestrogeni noti come lignani. È interessante notare come un’analisi su diversi studi suggerisca che le diete ricche di lignani possono ridurre il rischio di carcinoma mammario del 15% nelle donne in postmenopausa. Ciò è probabilmente correlato agli effetti dei lignani sulla produzione di estrogeni e ai livelli ematici.

Verdure crucifere: cavolfiore, broccoli, cavoletti di Bruxelles e cavolo fanno parte della famiglia delle verdure crucifere, ricche di fitoestrogeni. Inoltre, i cavoletti di Bruxelles e il cavolo sono ricchi di cumestrolo, un altro tipo di fitonutriente che ha dimostrato attività estrogenica. Inoltre, le verdure crucifere contengono molte fibre, che possono essere utili per la perdita di peso. Una porzione di cavoletti di Bruxelles cotti, per esempio, fornisce 6 g di fibra, che rappresenta il 24% del valore giornaliero di fibra.

Potrebbero interessarti anche...