Categorie
Salute

Intestino, 7 alimenti che migliorano la flora intestinale

ROMA – I probiotici, microrganismi che compongono il Microbiota Intestinale, sono molto importanti per la salute del nostro intestino e per l’equilibrio della nostra flora batterica. Il benessere del nostro intestino, dopotutto, è molto importante in quanto solo così il nostro organismo lavora al meglio e ci protegge dagli attacchi esterni. Per questo motivo è fondamentale seguire uno stile di vita attivo e una alimentazione sana, mirata al benessere dell’intestino. A tal proposito, può essere utile sapere che alcuni alimenti aiutano naturalmente a ripulire il proprio organismo dalle sostanze tossiche. I cibi che illustreremo qui sotto sono ricchi di enzimi, probiotici, aminoacidi, antiossidanti, vitamine, minerali, acidi grassi essenziali, acqua, fibre, e altre sostanze fitochimiche, tutte sostanze utili al benessere dell’intestino.

Tempeh: è un alimento fermentato con un fungo di tipo Rhizopus creato da semi di soia bianchi dell’Indonesia. Anche se non è carne, ha un alto contenuto di proteine ​​e ha i nove aminoacidi essenziali di cui il nostro corpo ha bisogno. Contiene anche probiotici: batteri necessari per il corretto funzionamento della flora intestinale.

Cavolo: il cavolo è ottimo da mangiare perché ricco di clorofilla, carotenoidi, vitamina C, vitamina K, ferro, calcio, aminoacidi e flavonoidi, tutti nutrienti che contrastano efficacemente le tossine, combattono le infiammazioni, riforniscono il corpo di sostanze nutritive importanti per il ringiovanimento e la guarigione. Inoltre, il cavolo ha poche calorie, è ricco di acqua e di fibre, che lo rendono un alimento ideale per chi vuole perdere peso.

Crauti: i crauti non sono altro che cavoli cappuccio sottoposti a fermentazione controllata con aggiunte di sale. I crauti in questo modo ottengono il loro tipico sapore aspro, ma ciò che li rende davvero speciali è che così si arricchiscono di probiotici, enzimi, vitamine e sali minerali. I crauti sono dunque un ottimo digestivo utile per ripristinare la flora intestinale ripopolando l’intestino di batteri benefici e combattendo altresì i danni causati dai radicali liberi.

Kefir: non tutti lo conoscono ma il kefir è un alimento davvero benefico. Si tratta di una bevanda ottenuta partendo dell’acqua o dal latte a cui si aggiungono dei granuli che attivano la fermentazione. Il kefir è ricco di probiotici e cura le infezioni della mucosa intestinale e ripristinare la sua corretta funzionalità. In più è ricco di vitamine, sali minerali e aminoacidi essenziali, è altamente digeribile e adatto anche per chi è intollerante al lattosio.

Miso: è uno dei derivati fermentati della soia, ricco di proteine vegetali, privo di grassi e colesterolo, e molto usato nella cucina orientale. È ricco di probiotici ed è l’ideale per sostituire il dado vegetale nella preparazione di risotti, brodi e minestre.

Cipolla: estremamente diuretica, facilita la digestione e migliora la salute generale. Questo vegetale contiene elevate quantità di zolfo, quercetina, vitamina C e fibre, che sono tutti potenti aiuti per neutralizzare i radicali liberi, mantenendo il sangue pulito e disintossicando l’organismo. Le cipolle contengono anche flavonoidi che aiutano a stimolare la produzione del glutatione, antiossidante che il fegato utilizza per la disintossicazione.

Yogurt: ovviamente, lo yogut, ma solo quello arricchito con probiotici (generalmente c’è scritto sull’etichetta). Protegge l’intestino, favorisce la digestione e sgonfia la pancia. Attenzione però a scegliere lo yogurt giusto: sempre meglio quello bianco naturale (va bene sia intero che magro) perché a quello con la frutta spesso viene aggiunto lo zucchero.