Le fragole potrebbero essere alleate nella lotta all'Alzheimer

Le fragole potrebbero essere alleate nella lotta all’Alzheimer

1 Agosto 2022 - di Silvia

Le fragole sono uno dei frutti protagonisti dell’estate e una nuova ricerca segnala un loro possibile beneficio per la salute. Un uovo studio dei ricercatori di RUSH.RUSH ha scoperto che un composto bioattivo trovato nelle fragole, chiamato pelargonidina, può essere associato a un minor numero di grovigli neurofibrillari di tau nel cervello. I grovigli di tau sono uno dei segni distintivi del morbo di Alzheimer, che è causato da cambiamenti anormali con le proteine ​​tau che si accumulano nel cervello. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease il 19 luglio.

I ricercatori hanno esaminato i dati acquisiti da uno studio in corso a lungo termine condotto dal RADC, Rush Memory and Aging Project (MAP), iniziato nel 1997. I partecipanti sono stati valutati sulla dieta utilizzando un questionario sulla frequenza degli alimenti fino a quasi 20 anni di follow-up prima della morte e una valutazione neuropatologica standardizzata successiva al decesso.

“Sospettiamo che le proprietà antinfiammatorie della pelargonidina possano diminuire la neuroinfiammazione generale, che può ridurre la produzione di citochine”, ha affermato la dott.ssa Julie Schneider, autrice dello studio. Schneider è professore associato e neuropatologo presso il Rush Alzheimer’s Disease Center presso il Rush University Medical Center di Chicago.

“La pelagonidina dovrebbe essere ulteriormente esaminata per il ruolo nel mantenimento della salute del cervello negli anziani, questo fornisce un semplice cambiamento che chiunque può apportare alla propria dieta”, ha affermato Puja Agarwal, autore dello studio ed epidemiologo nutrizionale Rush Alzheimer’s Disease Center e assistente professore di medicina interna presso il Rush University Medical Center.

La ricerca era uno studio osservazionale e non dimostra una relazione causale diretta. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il ruolo della nutrizione nell’Alzheimer, ma questo studio ci dà speranza su come componenti alimentari specifici come le bacche possono aiutare la salute del cervello”, ha affermato Agarwal. Fonte: Medical X Press.

Tags