Categorie
Salute

Non riesci a perdere peso sulla pancia? Considera questi 3 fattori

Perdere peso sulla pancia può rappresentare per molte persone un obiettivo non facilmente raggiungibile. 

Pancetta e grasso sui fianchi in alcune donne si associano a un maggiore rischio di diabete 2.

Anche i batteri che compongono la flora intestinale possono alterare la funzionalità dell’intestino, scatenando gonfiore addominali.

La sindrome dell’intestino irritabile è la malattia gastrointestinale più diffusa al mondo e porta anche a comportamenti ansiosi.

Cattiva digestione, sbalzi ormonali o intolleranze alimentari possono inoltre farci sentire l’effetto “pallone” da un giorno all’altro.

Avere la pancia anche se non si è tecnicamente in sovrappeso può far male al cuore, non si tratta solo di una questione estetica.

Il grasso accumulato nella zona addominale, anche con un indice di massa corporea nella norma, può portare a un rischio a lungo termine di problemi cardiovascolari raddoppiato.

Pancia piatta, 3 strategie d’azione.

Deficit calorico. Per dimagrire questo è l’unico metodo che funziona ed è anche il passaggio preliminare necessario per avere una pancia piatta.

Per quanto riguarda la fobia per i carboidrati, è sufficiente controllarne l’assunzione senza eliminarli, perché sono necessari per avere energia.

Allenamento intenso. E’ importante introdurre esercizi, varianti o metodologie di lavoro che non pratichi regolarmente.

Il corpo si abitua agli esercizi e alla loro intensità, quindi devono essere variati con una certa frequenza (ogni 4-6 settimane), o almeno aumentarne l’intensità. Cerca di allenarti almeno 3-4 volte a settimana.

Dormire a sufficienza. Basta perdere qualche ora di sonno per alcuni giorni di fila, e il risultato non sarà solo di avere occhiaie in evidenza e meno energia, ma soprattutto di guadagnare peso.

Un riposante consiglio per dimagrire? Dormire tanto nel week end per recuperare le ore di sonno perse durante la settimana.

Infatti una ricerca pubblicata sulla rivista Sleep ha mostrato che chi dorme un numero maggiore di ore durante il fine settimana tende ad avere una ‘silhouette’ più snella.