Categorie
Salute

Diabete di tipo 2, mangiare prima delle 8,30 potrebbe aiutare

In Italia ci sono almeno 4 milioni di diabetici, di cui oltre 3 milioni e mezzo sono colpiti da diabete di tipo 2 (Dati 2020).

Ma la cifra potrebbe essere anche più alta, considerando chi non sa di essere malato, al punto che si potrebbero raggiungere i 5 milioni.

Il diabete ruba anni di vita: quasi 8 sono infatti quelli persi in media da una persona con diabete di tipo uno.

Mentre sono quasi 2 quelli perduti in media da un diabetico di tipo 2, rispetto alla popolazione generale (dati forniti durante il Meeting Annuale della European Association for the Study of Diabetes).

Colazione e diabete, quando è meglio mangiare.

Un studio condiviso virtualmente all’incontro annuale della Endocrine Society, ENDO 2021, ha rivelato che mangiare prima delle 8:30 può ridurre significativamente il rischio di sviluppare la malattia.

La ricercatrice principale dello studio, Marriam Ali, ha detto al sito americano Eat This, Not That!:

“È stato riconosciuto che i nostri orologi circadiani interni regolano i ritmi degli ormoni metabolici nell’arco di 24 ore al giorno”.

“Questo include l’insulina, un ormone chiave nel diabete, per il quale la sensibilità tende ad essere più alta al mattino“, ha specificato.

Diabete e digiuno intermittente.

“La ricerca finora suggerisce che diete come il digiuno intermittente non hanno impatti significativi sulla resistenza all’insulina e sul miglioramento del diabete”, ha aggiunto Ali.

“Quello che sappiamo, tuttavia, è che se il digiuno intermittente porta a una significativa perdita di peso, allora potrebbe esserci un miglioramento della resistenza all’insulina e del diabete in generale”.

Cibi ideali per la colazione del diabetico.

Meglio gli alimenti ad alto contenuto di proteine: uova, yogurt, fiocchi di latte, farina d’avena integrale o frullati con yogurt e frutta e burro di noci.

Nota bene: questo articolo ha solo uno scopo illustrativo e non è in alcun modo sostitutivo del parere del medico.