Salute

Depressione post partum, camminare può ridurre i sintomi

Depressione post partum: camminare può ridurre i sintomi

Tra il 10 e il 15 per cento delle neo mamme in Italia soffre di depressione post partum nei primi tre mesi dalla nascita del loro figlio. Una percentuale, questa, che si traduce tra le 50 e le 100mila donne ogni anno.

Un nuovo studio, pubblicato dal Journal of Women’s Health, suggerisce che camminare a passo svelto, anche solo 15 minuti al giorno, potrebbe essere la risposta per molte donne che lottano con il problema.

Questo non esclude che nei casi più gravi potrebbero essere necessarie cure mediche tradizionali e psicoterapia.

A differenza del “baby blues”, la depressione post partum può causare gravi sbalzi d’umore, esaurimento e un senso di disperazione.

Recenti studi in Europa e in Asia indicano che questo numero è aumentato fino a quasi il 30% durante la pandemia di COVID-19.

Depressione post partum, cosa è emerso dallo studio.

“La PPD può avere effetti importanti sulla salute mentale di una donna, ma anche sullo sviluppo del bambino”, ha affermato Veronica Pentland, una delle studentesse che ha portato avanti la ricerca.

“Se sei depresso, è più difficile prenderti cura di te stesso e, per estensione, di tuo figlio”, ha aggiunto.

Lo studio, che ha analizzato i dati di cinque progetti di ricerca che hanno coinvolto 242 partecipanti, raccomanda alle donne di camminare a “intensità moderata” da 90 a 120 minuti a settimana per ridurre i sintomi di una possibile depressione.

“Camminare è abbastanza accessibile e la cosa bella è che puoi farlo con il tuo bambino”, ha detto Mitchell. “Se riesci a uscire tre o quattro volte alla settimana per mezz’ora o anche 15 minuti al giorno con il tuo bambino nel passeggino, i nostri risultati mostrano che potrebbe fare una grande differenza nel modo in cui ti senti”.

Camminare ha portato a riduzioni clinicamente significative dei sintomi della PPD e questi miglioramenti sono rimasti tre mesi dopo che le madri hanno interrotto i loro programmi di camminata.

“Camminare fornisce un trattamento che aggira molte di queste barriere. Non potrebbe esserci un momento più rilevante per un percorso accessibile al trattamento della salute mentale”, ha detto.