I 4 cibi ricchi di Omega 6 per combattere il colesterolo cattivo

Depressione nemica del cuore: può aumentare rischio di fibrillazione atriale

ROMA – Gli Omega 6 sono tra i nostri migliori alleati on caso di colesterolo cattivo alto. Sono infatti tra le sostanze nutritive più importanti che andrebbero inserite nell’alimentazione quotidiana, soprattutto se si ha a che fare con problemi di colesterolo alto. Gli omega 6 sono acidi grassi polinsaturi utili alla corretta funzionalità di tutti i tessuti e noti, tra le altre cose, alla diminuzione del rischio cardiovascolare. Tra gli effetti degli omega 6 si è infatti riscontrato un miglioramento della colesterolemia. Nello specifico si è osservata soprattutto la riduzione del colesterolo totale, per diminuzione di quello cattivo (o LDL, Low Density Lipoprotein).

Gli Omega 6 non sono sintetizzabili dal nostro organismo ma bisogna introdurli tramite una dieta mirata. 

 Si tratta di sostanze non sintetizzabili dal nostro organismo, ma da introdurre tramite la dieta. Ecco allora i 4 alimenti con maggiore concentrazione di omega 6. 

Carne: Il principale Omega 6 è l’acido arachidonico che si trova soprattutto negli alimenti di origine animale come la carne, sia bianca che rossa. Non fatevi mai mancare almeno due porzioni di carne a settimana, da scegliere tra la carne bianca se si è a dieta con l’obiettivo di perdere peso. 

Uovo: Anche nell’uovo, come nella carne, troviamo una buona quantità di acido arachidonico. L’uovo è spesso “demonizzato” ma recenti studi hanno dimostrato che, al contrario, può essere consumato nelle giuste quantità (non più di due uova a settimana) purché venga mangiato interamente, dunque sia il tuorlo che l’albume.

Noci: le noci sono nostre alleate. Contengono infatti un’alta concentrazione di acido linoleico, principale acido grasso omega 6. Tuttavia, contengono molte calorie e per questo andrebbero consumate in quantità modeste. Una manciata di noci come spuntino pomeridiano risulta ideale come spezza fame e per fare il pieno di benessere. 

Semi di lino: come molti semi oleosi, i semi di lino hanno molteplici proprietà benefiche per il nostro organismo. Contengono moltissimi minerali essenziali al nostro corpo come manganese, fosforo, magnesio e rame. Soprattutto, però, contengono una gran quantità di acidi grassi, tra cui proprio gli Omega 6, che sono fondamentali per abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Possono inoltre essere considerati, insieme all’olio di lino, come una delle principali fonti di assunzione di Omega3 per vegetariani e vegani. A tale scopo i semi di lino andranno consumati crudi, preferibilmente dopo averli triturati. I semi triturati dovranno essere consumati subito o conservati in frigorifero per tempi brevi. Oltre a contenere omega 6, sono consigliati contro cistite e stipsi e per la cura dei capelli.

Potrebbero interessarti anche...