Categorie
Salute

Bruciare più grassi, la bevanda che aiuta prima dello sport

Consumare un caffè prima di fare esercizio fisico può aumentare notevolmente la combustione dei grassi.

Inoltre, se lo si fa nella seconda parte della giornata, gli effetti della caffeina sono molto più evidenti rispetto al mattino.

E’ quanto emerge da uno studio dell’Università di Granada pubblicato sul Journal of the International Society of Sport Nutrition.

Secondo gli studiosi è necessario bere 3 milligrammi per chilo di caffeina.

A partecipare alla ricerca sono stati 15 uomini di un età media di 32 anni, che hanno completato una serie di test basati sullo sforzo fisico.

Come spiega Francisco José Amaro-Gahete, del Dipartimento di fisiologia dell’ateneo spagnolo:

“I risultati del nostro studio hanno rivelato che l’ingestione acuta di caffeina 30 minuti prima di eseguire un test di esercizio aerobico ha aumentato la massima ossidazione dei grassi durante l’attività sportiva”.

I ricercatori hanno notato l’esistenza di una variazione diurna dell’ossidazione dei grassi durante l’esercizio fisico, con valori più alti nel pomeriggio rispetto alla mattina.

Questi risultati mostrano anche che la caffeina aumenta l’ossidazione dei grassi durante lo sport mattutino in modo simile a quello osservato, nel pomeriggio, senza l’assunzione di caffeina. 

Per il mondo del caffè Made in Italy -40% fatturato nel 2020.

Arriva ad un picco del 40% la perdita del fatturato nel 2020 per il comparto del caffè, vera eccellenza del Made in Italy nel mondo

Insieme alla ristorazione, il settore soffre delle limitazioni imposte nel corso dell’emergenza sanitaria da COVID-19.

Ad impedire la ripresa e l’organizzazione del settore Ho.Re.Ca, lamentano i torrefattori, sono soprattutto gli orizzonti temporali di massimo due settimane dettati dagli ultimi decreti.

Qyesti non consentono alcun margine di programmazione per i pubblici esercizi.

Uno scenario allarmante che annienta la possibilità di fronteggiare lo tsunami economico che sta travolgendo bar, ristoranti, hotel e tutte le filiere collegate, che nel 2019 rappresentavano il 18% del Pil italiano.

Foto in evidenza di klimkin da Pixabay.