Categorie
Salute

Allergie ai pollini in arrivo, con la primavera in anticipo

ROMA – Dalla pioggia incessante non si direbbe, ma quest’anno la primavera arriva in anticipo. E con lei le allergie ai pollini. Per questo, avvertono gli esperti, chi è soggetto deve correre ai ripari iniziando subito la terapia preventiva iposensibilizzante. 

A rischio soprattutto chi soffre di allergia al cipresso, una pollinosi emergente, dal momento che ultimamente la pianta si è molto diffusa nelle aree urbane del bacino del Mediterraneo, e in particolare negli ultimi 15-20 anni il numero è progressivamente aumento.

I sintomi legati a questa allergia sono quelli comuni ad altre forme di allergia ai pollini (raffredore, congiuntivite, tosse secca, asma) anche se a volte possono essere più severi e in qualche caso possono rispondere scarsamente alla terapia anti-istaminica. Questa, insieme all’utilizzo di spray cortisonici nasali o bronchiali, rimane alla base della terapia sintomatica. 

Per chi invece non sa di essere allergico a questo tipo di polline ma accusa gli stessi sintomi, gli esperti consigliano di andare subito dallo specialista che saprà diagnosticargli la terapia più adeguata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.