Categorie
Salute

Gravidanza, alcool nel periodo del concepimento fa male: ecco perché

ROMA – Quando una donna rimane incinta le viene sconsigliato di consumare alcool durante la gravidanza. E’ necessario fare attenzione anche alla fase che precede i mesi prima del parto, quando si sta cercando di avere un figlio. Un nuovo studio australiano suggerisce che bere può essere rischioso già al tempo del concepimento. La ricerca è significativa perché è una pratica comune bere in questa fase o quando si cerca di diventare mamma.

Secondo la ricerca condotta dall’Università del Queensland, le potenziali mamme che bevono l’equivalente di quattro bicchieri di vino al giorno attorno prima e dopo la fecondazione hanno una maggiore probabilità di mettere al mondo un figlio maschio a più alto rischio di obesità.

Lo studio condotto su ratti da Emily Dorey della Scuola di Scienze Biomediche dell’ateneo, indica che l’esposizione all’alcool causa una preferenza sostenuta per il cibo grasso nella prole maschile, anche se sembra non avere lo stesso effetto sulle femmine. Ai ratti coinvolti nello studio è stato somministrato l’equivalente del consumo umano di quattro bicchieri di vino al giorno, da quattro giorni prima dell’accoppiamento a quattro giorni dopo.

“Abbiamo osservato che il percorso di ricompensa nel cervello è alterato dall’esposizione all’alcool attorno al concepimento”, scrive Dorey sull’American Journal of Physiology. Lo studio indica che l’alcool ha effetto sulla placenta prima del parto, causando scelte differenti di dieta nella prole, aggiunge. Lo studio indica inoltre che la prole sia maschile che femminile, se esposta all’alcool al concepimento, ha un più alto rischio di degenerazione grassa del fegato.

“Con il tasso di gravidanze non programmate in Australia, e i livelli di consumo di alcool, vi è una proporzione molto alta di gravidanze esposte all’alcool in questo particolare periodo. E’ un messaggio di avvertimento molto importante”. Sarà tuttavia difficile condurre un simile studio sugli esseri umani, avverte comunque Dorey. “Vi sono troppe influenze esterne durante la crescita”, osserva. (ANSA)