Pasticelle di Natale del Cilento

Pasticelle di Natale del Cilento

Roma – Pasticelle di Natale del Cilento.

Le Pasticelle di Natale sono dei ravioli dolci fritti ripieni di castagne e cioccolato tipici della tradizione Natalizia campana.
Paerticolarmente diffuse nel Cilento, le Pasticcelle di Natale vengono anche chiamate Calzoncelli.

Ce li propone la food blogger Maria Teresa Cacace.

Tempo di realizzazione.
2 ore.

Difficoltà.
Facile.

Ingredienti per circa 30 pasticelle.
Per la sfoglia.

500 g di farina.
2 uova.
70 g strutto o burro.
2 cucchiai colmi di zucchero.
½ bicchiere di spumante freddo.
1 buccia di arancia o limone grattugiata.
1 pizzico di sale.
1 pizzico di lievito pan degli angeli.
Per il ripieno.
300 g di castagne pesate da crude private della buccia dura.
20 g pinoli.
50 g mandorle bianche.
30 g pistacchi.
200 g di cioccolato fondente.
125 g di zucchero muscovado.
2 tazzine di caffè bollente forte.
1 bicchierino di anice.
1 pizzico di cannella in polvere.
olio per friggere.
zucchero a velo o miele e zuccherini colorati.

Procedimento.
1) Preparare la sfoglia come una normale pasta frolla, mettere la farina a fontana, le uova, lo strutto, lo zucchero, la buccia di arancia o limone grattugiata, il pizzico di lievito e tanto spumante quanto ne assorbe per ottenere una pasta liscia e senza grumi, quindi lasciare riposare al fresco fino al momento di utilizzarla avvolta in pellicola per alimenti

2) Privare le castagne della buccia esterna e lessarle in abbondante acqua calda, con una foglia di alloro un po’ di buccia di arancia ed un pizzico di sale, lasciare cuocere fino a quando diventano morbide, a questo punto passarle allo schiacciapatate

3) Tritare finemente le mandorle i pinoli ed i pistacchi (si possono usare anche le nocciole e tostare leggermente)

4) Nel caffè bollente sciogliere il cioccolato unire lo zucchero, gradatamente la purea di castagne, e la frutta secca tritata, il liquore all’anice e la cannella

5) Mescolare bene il tutto; se l’impasto risulta troppo duro da mescolare aggiungere un po’ di caffè.(l’impasto man mano che il caffè si raffredda diventa più sodo)

6) A questo punto tirare la sfoglia con il matterello o con la macchinetta e con uno stampo ricavare dei dischi dello spessore di 1-2 mm porre un cucchiaino di ripieno al centro di ogni disco, poggiarci sopra un altro disco far uscire l’aria che si forma e chiudere per bene premendo con forza sui bordi.

7) Con un coltello incidere i bordi fino a ottenere delle linguette (devono essere pari),che andranno piegate verso il centro una sì e una no.. se invece avete il coppapasta adatto procedere come per i ravioli

8) Friggere le pasticelle di natale in abbondante olio , per un paio di minuti fino a farle dorare da entrambi i lati.(siccome i bordi sono molto sottili e friabili fare attenzione a non romperli mentre si rigirano nell’olio)
9) Poggiare una volta fritte su un vassoio con carta per assorbire l’olio e farle raffreddare.

10 ) Prima di servire, spolverare con zucchero a velo, o guarnire con miele e zuccherini colorati

.

In collaborazione con il Gruppo Facebook  “Quelli che non solo dolci”

Per saperne di più sul gruppo “Quelli che non solo dolci” clicca qui.

Se vuoi diventare anche tu un membro del gruppo clicca qui.

.

Chi è Maria Teresa Cacace.

Mi chiamo Maria Teresa e vivo in Penisola Sorrentina, sono sposata e la famiglia è la mia più grande ricchezza, mi piace cucinare e condividere questa mia passione, per questo ho creato un mio blog dove potete trovare tutte le mie ricette.

Potete trovare Maria Teresa nel suo blog “In cucina con Teresa”

Maria Teresa Cacace

Maria Teresa Cacace

.

.

Link a Lady Kitchen

Potrebbero interessarti anche...