Categorie
cronaca

Cosa c’è da sapere sulle proteste contro la SARS in Nigeria

Cosa sta succedendo in Nigeria? Da cosa dipendono le proteste? Tutto ha avuto inizio a causa di una controversa unità di polizia, la Squadra speciale anti-rapina (SARS).

Le proteste a Lagos, la più grande città della Nigeria, hanno avuto inizio i primi di ottobre contro l’uso della forza da parte della SARS, unità di polizia accusata da anni di gravi violazioni dei diritti umani. Le proteste si sono ampliate e i manifestanti hanno chiesto una più generale riforma del paese.

Sebbene la SARS esista da più di 25 anni, la CNN  riferisce che il gruppo è diventato più sinonimo di abusi e controversie rispetto a quello per cui era stato istituito: indagare su crimini come rapina a mano armata, rapimenti, aggressioni e omicidi.

Cos’è la SARS?

La SARS avrebbe dovuto essere un ramo delle forze dell’ordine che si concentrava sui crimini più gravi della Nigeria. Nel 2018, tuttavia, gli attivisti nigeriani hanno avviato una campagna sui social media che ha evidenziato tutti i presunti abusi all’interno dell’organizzazione.

Feminist Coalition  ha raccolto più di 70 milioni di Naira (circa 200mila euro) da destinare a cibo, servizi sanitari e legali e sicurezza per i manifestanti che protestano per porre fine alla SARS in Nigeria.

Perché queste proteste in Nigeria?

Usando l’hashtag #EndSARS, i manifestanti speravano di avviare una riforma, anche se per il momento non è servito a molto. Nel giugno 2020, Amnesty International ha pubblicato un rapporto  che ha rilevato 82 casi documentati di brutalità da parte della polizia in Nigeria tra il 2017 e il 2020.

“I detenuti in custodia della SARS vengono sottoposti a una varietà di metodi di tortura tra cui impiccagione, percosse, pugni e calci, bruciature di sigarette, annegamento simulato, quasi asfissia con sacchetti di plastica. La SARSA costringe i detenuti ad assumere posizioni fisiche stressanti e violenze sessuali”, si legge nel rapporto. “I risultati della nostra ricerca indicano che pochi casi sono indagati e quasi nessun ufficiale viene assicurato alla giustizia a causa di tortura o altri maltrattamenti”.

Sebbene i manifestanti non abbiano un leader,  Time  osserva che i manifestanti sono principalmente “giovani che affermano di essere stati ingiustamente profilati dalla SARS”.

Cosa sta succedendo adesso?

Sebbene la maggior parte delle manifestazioni siano state pacifiche, la CNN rileva che gli agenti di polizia sono stati accusati di usare eccessivamente la forza. Ci sono state accuse di morti e feriti. 

La campagna #EndSARS ha guadagnato ancora più attenzione dopo che personalità come Beyoncé, Kanye West,  Trey Songz , la star del calcio britannica Rio Ferdinand e la star di Star Wars John Boyega hanno iniziato a sostenere il movimento.

I manifestanti hanno cinque richieste fondamentali: giustizia per le famiglie delle vittime della violenza della polizia. Rilascio immediato dei manifestanti. Riaddestramento degli ufficiali della SARS prima che vengano trasferiti in altre unità di polizia. Infine, un organismo indipendente per supervisionare le indagini sulla violenza della polizia e aumento salari per gli agenti di polizia che proteggono i cittadini.

La Nigeria si è liberata della SARS?

L’ispettore generale della polizia nigeriano, Mohammed Abubakar Adamu, ha annunciato che la SARS sarebbe sciolta dallo scorso 11 ottobre. Il presidente Muhammadu Buhari ha rilasciato un video, affermando di aver sentito la “reale preoccupazione dei nigeriani sull’uso eccessivo della forza. E in alcuni casi omicidi extragiudiziali e condotta illecita, da parte di uomini delle forze di polizia nigeriane”.

“Faremo anche in modo che tutti i responsabili di cattiva condotta o atti illeciti siano assicurati alla giustizia”, ​​ha concluso, dicendo, “la stragrande maggioranza degli uomini e delle donne delle forze di polizia lavora sodo e diligente nello svolgere i propri doveri”.

Nigeria, i cambiamenti faranno la differenza?

Amnesty International dubita che ci sarà un vero cambiamento. L’organizzazione ha scritto: “I nigeriani sono scettici in merito all’impegno delle autorità di porre fine alle atrocità della polizia. Questo perché le precedenti affermazioni di riforma della SARS si sono rivelate parole vuote”.

Più di 190.000 persone hanno firmato una petizione che chiede al Regno Unito di stabilire sanzioni contro il governo nigeriano. Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto la fine della “violenta escalation” a Lagos.