Categorie
cronaca

Attentato a Nizza: bambini, anime innocenti più colpite

NIZZA – Attentato a Nizza: bambini, anime innocenti più colpite. A poche ore dalla terribile strage che ha colpito Nizza e che ha causato la morte di 84 persone, emergono le prime agghiaccianti stime. Purtroppo, a pagare il prezzo più alto di questo attentato sono stati i bambini. 54 risultano essere quelli ricoverati in ospedale, 2 sono morti in sala operatoria durante la notte, molti altri sono in gravissime condizioni e lottano per non morire e, anche tra le 84 vittime, si stima che almeno una decina siano proprio bambini. Un camion gettato a 80 km orari sulla folla, la paura, le grida, il sangue. La corsa che sembrava non finire mai e “persone che cadevano come birilli”. Sono i bambini le vittime più colpite dal killer. Si legge su Repubblica:

“Tutti i piccoli che si sono persi nel caos sono stati radunati nella caserma Auvare, a Nizza. Si spera che qui, nella sede della polizia della città, i genitori vengano a riprenderli. Ma la situazione è di caos anche nell’ospedale per adulti, quel Pasteur che sta sopportando il peso maggiore delle cure ai sopravvissuti. Qui, nella confusione, sono finiti anche diversi minori. La maggior parte è sola. Non sa nulla dei genitori, ammesso che siano ancora vivi. Anche tra gli 84 morti si stima che almeno una decina siano bambini e la bambola rosa accanto a un corpo ricoperto da un telo è una delle immagini più strazianti della strage. Mentre ha un lieto fine la storia del piccolo di 8 mesi originario del Madagascar che nel parapiglia era rimasto solo nel suo passeggino. Grazie anche agli appelli sui social, la zia che si era subito rivolta a Facebook è riuscita a ritrovarlo. “Alcune persone lo hanno visto solo e lo hanno portato a casa loro” ha tranquillizzato la donna sul sito. “C’erano tantissimi bambini che si sono ritrovati abbandonati, paralizzati dalla paura” ha raccontato a Rtl il proprietario di un bar che ha accolto molti fuggitivi”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.