Coppia, questione “ex”: rimanere amici, è possibile?

ex fidanzato

ROMA – Quando si è in coppia, il nostro partner è probabilmente la persona più importante della nostra vita, quella a cui si racconta tutto, con cui ci si confida e con cui ci si sfoga, quella a cui si “ricorre” nel momento in cui ci sentiamo soli o abbandonati dal mondo o quella con cui si vuole parlare per primi quando si ha da dare una bella notizia.
Le cose, però, inevitabilmente cambiano quando la coppia… scoppia e in quei casi, che si tratti di coniugi o fidanzati, si presenta sempre lo stesso dilemma: quale posto “riservare” alla persona con cui abbiamo condiviso una fetta più o meno grande di vita?

Parlando in maniera teorica, si dovrebbe rimanere amici con la persona con cui si è condiviso gioie e dolori. Certo, sarebbe la soluzione migliore soprattutto in caso di bambini qualora questi ci fossero ma, si sa, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare e quella di rimanere amici spesso non è la scelta più facile e semplice anzi, richiede qualche sacrificio.

È dunque possibile rimanere vicini ai nostri ex? Di certo non è cosa semplice, soprattutto all’inizio quando le cause della rottura sono probabilmente ancora fresche. Tuttavia, alcune coppie ci riescono soprattutto quando le condizioni della loro rottura non sono troppo tempestose, o quando la rottura è avvenuta da molto tempo.

Per iniziare, bisogna rendersi conto che le coppie raramente si separano di comune accordo e con serenità. Sentimenti come il rancore, la gelosia, a volte anche l’odio è quasi normale che prevalgano sulla dolcezza e la razionalità. Più la relazione è stata intensa, poi, maggiori sono i rischi di dissapori. Ricordiamo che, per quanto riguarda i divorzi, più della metà non sono consensuali, ma contenziosi ed ecco che il rischio che i coniugi intraprendano una vera e propria “lotta” a proposito dell’affidamento dei figli, degli alimenti da versare, della casa e così via è molto elevato.

Uno dei fattori che di certo alimenta di più i dissapori è il fatto che raramente le persone hanno il coraggio di prendersi la responsabilità (tutta o almeno una parte) della rottura attribuendo la colpa sempre all’altro. Il tradimento è un fattore lampante: la persona “tradita”, essendo una “vittima” si sente in obbligo di poter fare tutto: l’altro deve pagarla cara per quello che ha fatto, in tutti i sensi. E, purtroppo, chi poi ne fa le spese sono spesso i bambini. Poche coppie separate riescono a superare i loro dissapori e a mantenere una relazione sufficientemente sana per preservare i bambini dai dissapori.

Un altro caso è quando la persona che vuole terminare una relazione non ha il coraggio di dire “non ti amo più” e inizia a elencare tutti i difetti (veri o presunti) dell’altro millantando per esempio che “è cambiato” o che “lo ha sopportato anche troppo”.

Se si vuole davvero costruire una relazione amichevole o comunque di rispetto, è bene che si calmino antichi “bollori”. E con il tempo questo a volte accade. Ci si inizia a rendere conto che l’ex non era poi così “perfido” e “negativo”. In fondo ci abbiamo costruito un pezzo, grande o piccolo che sia, della nostra vita e una certa complicità deve esserci stata per forza. Dobbiamo renderci conto che se sono cambiati i sentimenti non vuol dire che la persona che abbiamo davanti sia cambiata del tutto e ciò che nel quotidiano ci sembrava insopportabile con la distanza non ha più alcuna conseguenza. Dobbiamo entrare nell’ottica che l’ex, a meno che ovviamente i motivi della rottura non siano davvero gravi (problemi con la giustizia o con la legge, persona aggressiva…), non è un nemico da combattere ma semplicemente una persona con cui “non è andata” ma non per questo non ci si può più tornare a scherzare.

Così dopo la “tempesta” iniziale o quando la separazione è consensuale, può instaurarsi una complicità nuova tra gli ex che è a metà strada fra l’amore e l’amicizia. Qualcosa difficile da definire e che spesso può essere anche “frainteso” o, addirittura, può anche far scaturire dei ritorni di fiamma. Non sono poche le coppie che si “ritrovano” dopo qualche tempo, in effetti.

Potrebbero interessarti anche...