celebrity

Il padre di Meghan Markle sogna di poter incontrare i suoi nipoti

Il padre di Meghan Markle sogna di poter incontrare i suoi nipoti, Archie e Lilibert Diana, perché ancora non ha avuto modo di conoscerli.

Ai microfoni di 60 Minutes Australia l’ex direttore della fotografia hollywoodiano è tornato a parlare del suo rapporto, o meglio, non rapporto, con la figlia.

“Il prossimo mese compirò 77 anni – ha detto Thomas – Non cerco compassione, racconto soltanto la realtà: rischio di non incontrare mai i miei nipotini”.

“Sono un bravo nonno e non perdo la speranza, anche se questa situazione mi fa molto male. Persino gli assassini in prigione hanno una famiglia che li va trovare. E io non sono un assassino”.

L’accusa a Oprah Winfrey.

Thomas ha criticato anche il comportamento della celebre conduttrice americana, Oprah Winfrey, che secondo lui avrebbe manipolato Harry e Meghan.

“Si è approfittata della debolezza di un uomo, per far dire certe cose in tv”. Poi su sua figlia: “Per colpa di uno stupido errore, vengo trattato peggio di un assassino. Rischio di non vedere mai i miei nipoti”.

L’errore cui si riferisce il 77enne è il finto servizio fotografico, poi saltato, che stava organizzando prima delle nozze della figlia. Poi la lettera privata che lei gli ha scritto, finita in pasto ai tabloid.

“Mi sono scusato un centinaio di volte. Non ho fatto niente di terribilmente sbagliato, è stato uno stupido errore”, così si difende Thomas. 

Il padre di Meghan Markle ha saputo dalla radio della nascita della nipote.

Poco dopo la nascita di Lilibet Diana, il padre di Meghan Markle ha detto a The Sun online: “Sono molto contento che mia figlia e la mia nuova nipote abbiano avuto un parto di successo. Auguro loro tutto il mio amore e buona fortuna”.

E alla domanda su come ha saputo della nascita di Lilibet ha risposto: “Niente telefonate, l’ho sentito alla radio”. “Resterò molto deluso di non poter tenere in braccio mia nipote”, ha sottolineato l’ex marito di Doria Ragland.