Il discorso di Meghan Markle sul razzismo non ci sarebbe stato, se lei fosse stata ancora nella famiglia reale

Meghan Markle

Il protocollo reale non lo avrebbe permesso. Nel fine settimana, Meghan Markle ha fatto un discorso molto toccante, registrato per le studentesse che si devono diplomare nella sua vecchia scuola superiore di Los Angeles.

Il suo sentito messaggio racchiudeva un messaggio potente: “La vita di George Floyd contava e la vita di Breonna Taylor contava. E la vita di Philando Castile contava e la vita di Tamir Rice contava, così come tante altre persone di cui conosciamo i nomi e di cui non conosciamo i nomi”, ha detto.

Secondo  Newsweek, tuttavia, Meghan Markle non avrebbe potuto veicolare lo stesso messaggio se lei e suo marito, il  principe Harry, non si fossero allontanati dai loro ruoli all’interno della famiglia reale. 

Il protocollo reale, infatti, vuole che ai membri della famiglia reale non sia permesso fare nulla che possa essere visto come “politicizzare la monarchia”.

Dickie Arbiter, ex segretario stampa della Regina Elisabetta II, spiega che “sarebbe stato impossibile” che il discorso di Meghan Markle potesse superare l’approvazione di Buckingham Palace.

Meghan Markle

ANSA

CORRELATO: Harry e Meghan hanno incontrato persone chiave legate al movimento Black Lives Matter

Meghan Markle ha affermato di aver esitato, all’inizio, se dire o meno qualcosa in merito al Black Lives Matter. Ma ha poi deciso che “l’unica cosa sbagliata da dire, sarebbe stata non dire nulla”.

Dickie Arbiter ha spiegato:

“Quello che è successo negli Stati Uniti è una tragedia assoluta e non avrebbe mai dovuto succedere, ma sfortunatamente è successo. Se Meghan e Harry fossero stati ancora nel Regno Unito e membri della famiglia reale, quel discorso di Meghan Markle non ci sarebbe stato. È altamente politicizzato a causa della natura stessa di ciò che è. È una questione sociale per gli Stati Uniti e non spetta a un capo di stato esprimere un’opinione, che sia la regina o il presidente della Francia o chiunque.”

Omid Scobie,  redattore specializzato della famiglia reale di Harper’s  Bazaar, ha dichiarato che “rimanere verbalmente non partigiani” fa parte dell’essere un membro della famigliareale. Tuttavia, Scobie afferma che ora non è il momento di rimanere neutrali.

Ha spiegato che le proteste stanno avvenendo anche alle soglie del Castello di Windsor, quindi è quasi impossibile per i reali ignorarle.

Scobie aggiunge che diversi reali europei si sono fatti avanti e hanno dichiarato il loro supporto al movimento Black Lives Matter.

CORRELATO: La regina Elisabetta, Meghan Markle e Harry hanno fatto una dichiarazione sul Black Lives Matter.

“Apprezzo il fatto che i membri della famiglia reale britannica rimangano apolitici e non approfondiscano le questioni politiche generali di altri paesi. Tuttavia, dobbiamo vedere la questione del razzismo per quello che è: una crisi globale dei diritti umani, che, come negli Stati Uniti, è stato alla radice di così tante questioni sociali nel Regno Unito e in tutto il Commonwealth”.

“I membri della famiglia reale hanno detto poco sulla questione del razzismo nel corso degli anni, ma il silenzio in questo momento non è un’opzione”.

Potrebbero interessarti anche...