Categorie
celebrity

Letizia Ortiz, cosa si nasconde dietro la sua borsa boho-chic

Letizia Ortiz ha indossato una borsa in stile boho-chic dietro la quale si nascondo un significato molto profondo.

Il modello scelto dalla regina di Spagna è venduto da un’associazione catalana che sostiene la lotta contro la fibrosi cistica.

Il brand Bolsas FQ è stato creato da una mamma con un figlio affetto dalla malattia con l’obiettivo di rendere gli altri consapevoli di questa patologia degenerativa.

La malattia necessita di farmaci per rendere la vita più sopportabile a chi ne soffre.

Tutti i soldi raccolti con l’acquisto delle borse sono destinati interamente alla ricerca e al miglioramento della vita delle persone colpite, attraverso la Catalan Cystic Fibrosis Association.

Il modello scelto da Letizia Ortiz.

Letizia Ortiz ha indossato la borsa modello Robes de Llengües di colore rosso, purtroppo esaurita sul sito, anche nella versione azzurra (che la sovrana possiede). 

La moglie di Re Felipe l’ha sfoggiata per le strade di Palma di Maiorca, dove è solita trascorrere le vacanze al Palazzo Marivent, residenza estiva della famiglia reale spagnola.

L’ex giornalista ha abbinato la borsa a un vestito rosso firmato Adolfo Domingez e alle sue scarpe predilette: le espadrillas con zeppa.

Piccolo incidente domestico per la principessa Sofia.

L’Infanta Sofia ha avuto un piccolo incidente domestico che l’ha portata ad apparire in pubblico a Maiorca con un ginocchio fasciato.

I re, la regina e le loro due figlie hanno visitato alla città di Petra e la sorella della principessa Eleonora è apparsa con una stampella e con una benda sulla gamba destra.

La più giovane delle figlie di Don Felipe e Letizia Ortiz è caduta domenica scorsa al Palazzo Marivent a Palma di Maiorca.

La più piccola della famiglia è stata subito medicata con cinque punti di sutura al ginocchio destro.

Nel corso della prima uscita in pubblico della famiglia sull’isola delle Baleari, Sofia non ha esitato ad appoggiarsi a sua sorella, la principessa Leonor.