Categorie
celebrity

Lady Diana, intervista alla BBC del 95 ottenuta con l’inganno: William vuole chiarezza

Il principe William chiede chiarezza sulla storica intervista “bomba” che Lady Diana concesse alla BBC nel 1995.

Un’intervista che cambiò per sempre le sorti del matrimonio tra la principessa e il marito Carlo.

In quell’occasione Lady Diana parlò di un “matrimonio affollato”, sconvolgendo l’opinione pubblica.

Il riferimento era all’amante del marito, Camilla Parker Bowles, che nel 2005 è poi diventata moglie di Carlo e duchessa di Cornovaglia.

William favorevole all’inchiesta sull’intervista della BBC.

Il principe William si è schierato a favore dell’inchiesta sulla Bbc, accusata di aver in qualche modo ingannato Diana per ottenere la famosa intervista che di fatto la portò al divorzio dal marito.

“L’inchiesta indipendente è un passo nella giusta direzione. Dovrebbe aiutare a stabilire la verità dietro le azioni che condussero all’intervista”, ha detto il figlio della coppia.

Sembra che nelle scorse settimane William abbia fatto pressione sull’emittente britannica per arrivare a fare chiarezza.

L’intervista a Lady Diana, cosa accadde secondo il fratello.

Charles Spencer, fratello di Diana, si è scagliato contro l’emittente pubblica britannica, accusandola di “grande disonestà” perché quell’evento sarebbe stato organizzato con un falso pretesto.

L’intervistatore Bashir avrebbe mostrato a Spencer, al fine di convincerlo a fare da tramite con la sorella per l’intervista, alcuni estratti conto bancari falsi con pagamenti a due dipendenti di Palazzo reale.

Una presunta mossa da parte dei servizi di sicurezza britannici per ottenere informazioni riservate su Lady D.

“Se non avessi visto quei documenti non avrei mai presentato mia sorella a Bashir”, ha affermato Spencer.

La Bbc si è scusata per la falsificazione, ha ammesso che non può al momento chiedere chiarimenti al suo giornalista malato e precisato che i conti fasulli non hanno influito sulla volontà di Diana nel concedere l’intervista.

Ma ora è anche William a pretendere giustizia. E con la sua esposizione mediatica sulla vicenda, difficilmente la rete potrà non fare chiarezza.