Categorie
celebrity

Charlotte Casiraghi non ha ancora partorito: “La monegasca vuole…

Charlotte Casiraghi non ha ancora partorito il suo secondo bebè. Questo è quello che si legge sul sito della rivista spagnola Hola!, punto di riferimento per quel che riguarda le vite dei reali di tutto il mondo. Secondo alcuni rumor circolati nelle scorse settimane, la figlia di Carolina di Monaco avrebbe già dato alla luce il suo secondo figlio, ma a quanto pare così non è. Bisogna attendere ancora qualche giorno (o settimana?) per festeggiare la nascita del nuovo arrivato nella famiglia Casiraghi-Rassam.

Considerando quanto sia riservata Charlotte Casiraghi per quel che riguarda la sua vita privata, è difficile, se non impossibile, conoscere dettagli del parto. Secondo Hola! però un’informazione ci sarebbe: la futura mamma vuole partorire in terra monegasca, così come avvenuto anche per il suo primogenito, Raphaël, nato nel dicembre 2013 dalla relazione con l’attore Gad Elmaleh. Anche Dimitri è già padre di una bambina, Daria, nata dal matrimonio con la modella russa Masha Novoselova.

Nel corso di un’intervista con Vogue, edizione tedesca, Charlotte Casiraghi ha voluto mettere in chiaro alcuni suoi pensieri e impressioni sulla maternità, analizzando il modo in cui la psicoanalisi si occupa della maternità. “La gente parla sempre la figura della madre, ma raramente della madre incinta che ha un bambino nel suo grembo, e la realtà del corpo nella sua accezione più ampia. Il modo in cui si comportano e si riferiscono alla le donne con questo corpo è il modo in cui gli uomini lo fanno”, ha confessato.

Secondo la futura mamma è necessario modificare la visione che abbiamo del “ruolo della madre” e le difficoltà del rapporto madre-figlio. “Si presume che tutte le donne abbiano istinto materno (…) La maternità è un aspetto del rapporto con l’altra persona, ma che può trasformarsi in odio o amore. Tuttavia, ci sono solo due opzioni: la madre come un mostro o la madre come una santa, la maggior parte delle donne sono in un punto medio”, ha concluso.