Categorie
benessere

Camminare fa bene, 5 benefici per la tua salute

Camminare non fa bene solo al corpo ma anche alla mente. E’ una delle azioni che abbiamo più svolto in questa fase di lockdown per rimanere in forma con le palestre chiuse.

La ricerca mostra che anche piccoli aumenti nel conteggio dei passi giornalieri possono migliorare in modo significativo la salute generale.

Sforzarsi di uscire a fare una camminata veloce, possibilmente nella natura, migliora anche le funzioni immunitarie .

Il benessere aumenta, la luce naturale del giorno fa salire la serotonina, l’ormone della felicità si abbassa infatti sempre ai minimi durante l’inverno.

Dai 40 anni in poi, per mantenersi in salute può aiutare camminare a passo svelto e spedito ogni giorno: bastano 10 minuti di camminata rapida giornaliera per ridurre del 15% il rischio di morte precoce.

I benefici del camminare per la salute.

Camminare fa bene alla salute cardiovascolare. Già solo camminare 10 minuti a passo svelto ogni giorno è utile per cominciare a fare la differenza sulla pressione alta, il diabete, il peso, depressione, ansia e problemi muscolo-scheletrici. 

La camminata fa bene al cervello. E il motivo è che ne aumenta l’afflusso di sangue e l’ossigenazione.

Camminare per frenare il rischio di morire di cancro: è quanto emerso da più studi presentati al congresso della American Society of Clinical Oncology a Chicago, secondo cui sono sufficienti 25 minuti al dì di camminata veloce per ridurre in modo significativo il rischio di morire di tumore, anche se la malattia è già in stadio piuttosto avanza.

Fare attività fisica anche moderata, come per esempio camminare, migliora l’umore sia nel breve sia nel lungo periodo.

Camminare più dei 3000 passi giornalieri raccomandati (pari a 2,4 chilometri circa), se si ha dai 50 anni in su, migliora la qualità del sonno.

Lo ha verificato uno studio della Brandeis University del Massachussets e pubblicato sulla rivista Sleep health. Foto di Pexels da Pixabay.