Categorie
bellezza

3 prodotti low cost per dire addio ai punti neri

Durante la quarantena da coronavirus siamo costrette a trascorrere molto tempo a casa. Approfittando di questa lunga “pausa”, possiamo fare ciò che molte di noi tendono a trascurare, ovvero curare la pelle. I punti neri sono i primi nemici da contrastare. Sono costituiti da accumuli di sebo, una sostanza oleosa prodotta dalle ghiandole sebacee per nutrire e proteggere la stessa cute, da batteri e da cheratina. Quando si raccolgono nei follicoli piliferi ne portano all’occlusione. Le sostanze di cui sono fatti vengono poi a contatto con l’aria e si ossidano. Per questo hanno un colore scuro.

Da cosa possono essere causati i punti neri? Si va dall’utilizzo di creme e make up che hanno ingredienti grassi o oleosi che ostruiscono i pori, alla mancanza di un corretto demaquillage, fino alla dieta. Un’alimentazione scorretta si può riflettere subito sulla cute. Il primo consiglio è quello di eseguire una corretta skincare, oppure di affidarsi a una specialista della pelle per migliorarne l’aspetto, eseguendo almeno una semplice pulizia del viso.

Abbiamo individuato una serie di prodotti low cost che potrebbero essere di aiuto per dire addio ai punti neri o comunque rendergli la vita difficile. Il primo è Pure Active 3 in 1 Carbone della Garnier. 3 azioni in uno: gel detergente, scrub: i punti neri sono visibilmente ridotti, maschera per l’eccesso di sebo. Prezzo: si varia dai 4 ai 6 euro. Comunque meno di 10 euro.

Secondo prodotto la polvere d’argento di Mario Badescu. Da usare 1-2 volte a settimana. Bisogna immergere un dischetto di cotone inumidito nella polvere e applicare sulla zona T. Dopo 10 minuti, pulire con del tonico. Prezzo: 14, 90 euro.

Terzo Prodotto: My Clarins Clear Out, il primo duo che aiuta a rimuovere i punti neri in 2 gesti complementari. Grani esfolianti di origine naturale e grani esfolianti sintetici che rimuovono delicatamente le impurità. Prezzo: 29.90 euro.

Compralo su Amazon. LINK